Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

RIFIUTI – I sindaci della Riviera del Brenta chiedono trasparenza sugli effetti economici della raccolta differenziata

MIRA – «Finalmente anche gli altri sindaci della Riviera e del Miranese concordano con noi nel chiedere maggiore trasparenza sul bilancio di Veritas». Alvise Maniero, sindaco di Mira, è reduce dall’incontro tra i responsabili di Veritas e i primi cittadini dell’area nella sede di Eco Ricicli a Marghera. «Un incontro certamente non risolutivo – afferma Maniero – ma è importante che oggi, a differenza di qualche anno fa anche gli altri sindaci si siano resi conto che è importante approfondire il bilancio e i piani finanziari di Veritas. Non possiamo continuare con la raccolta differenziata senza sapere, per Comune, quanto viene valorizzato il conferimento dell’umido, piuttosto che del secco o di altro. Dati utili per capire i benefici della differenziata, ma anche le problematiche che possono emergere o dove è possibile avviare un contenimento dei costi. E non solo – aggiunge Maniero – nell’ambito di questa operazione trasparenza abbiamo scoperto che per gli otto ispettori ambientali di Veritas noi Comuni sborsiamo circa un milione e mezzo di euro l’anno, e la cifra mi sembra alta».
Un mese fa il sindaco di Mira insieme ad altri colleghi aveva sollecitato Veritas affinchè i piani finanziari della società fossero redatti applicando lo stesso indice Istat che viene applicato a Venezia, uniformandolo al criterio della città capoluogo della Città metropolitana. «Siamo ancora alla fase embrionale – afferma Maniero – sembra che Veritas abbia iniziato questo lavoro di trasparenza sui costi, solo di recente, ma si è dimostrata ricettiva verso le nostre istanze e abbiamo iniziato ad avere le prime risposte in proposito».

Luisa Giantin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui