Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Rizzetto contro il blocco del progetto da un miliardo di euro atteso dai cittadini

«Accordo del 2008 superato, servono una nuova intesa e una guida ai cantieri»

MARGHERA –  Marghera non ci sta a veder tramontare il progetto del Vallone Moranzani, un grande piano da un miliardo di euro, atteso dalla Municipalità e dai cittadini per cambiare il panorama tra Marghera e Malcontenta con un grande parco e una nuova viabilità. L’inchiesta Mose con i suoi arresti eccellenti ha bloccato un processo avviato solo in parte. Si allarmano tutti ora: dal presidente della Municipalità Flavio Dal Corso ai partiti. Marco Rizzetto, segretario del Pd di Marghera, e coordinatore della terraferma per la segreteria, si rivolge direttamente a Luca Zaia, presidente della Regione Veneto: «Ha la responsabilità politica di aver lasciato un territorio alla mercé di tecnici e politici che hanno fatto il buono e il cattivo tempo e di non aver dato ancora una nuova guida all’accordo », attacca. «Ora la Regione e Zaia si prendano le proprie responsabilità, chiariscano il ruolo della società Sifa e aprano un tavolo per un nuovo accordo». Del resto, denuncia Rizzetto, tutto è praticamente fermo: «Non si scavano i canali, non si interrano gli elettrodotti di Terna, la San Marco Petroli resta dove è e la viabilità viene realizzata solo per la parte che interessa al Porto». Il parco? Oggi appare un miraggio dopo che l’accordo sul Vallone ha preso il via nel 2008 con i migliori auspici. In completamento sono invece le due discariche dell’area dei 23 ettari, sito provvisorio di stoccaggio dei fanghi che dovranno dar vita al nuovo parco; il terminal Ro-Ro delle autostra del Mare dell’Autorità portuale e il nodo viario di Malcontenta per separare i traffici urbani da quelli commerciali. «Un progetto completamente stravolto che alla fine consente risposte solo al Porto e non ai cittadini », dice Marzo Rizzetto che denuncia come gli organi regionali in questi anni «abbiano nascosto carte, dati e cifre» e «assegnato i lavori delle discariche alla Sifa, partecipata della Mantovani » e poi hanno dato «manforte a Terna in un iter amministrativo poi bocciato dal Tar e dal Consiglio di stato per l’interramento degli elettrodotti che ora restano dove sono». Critiche anche alla Provincia che ci ha messo «cinque anni per redigere il progetto definitivo della viabilità e poi se ne è tirata fuori passando le competenze al Porto. Ad oggi non sappiamo quanti soldi ci siano in cassa, cosa è stato speso, cosa realizzato e quali sono i materiali stoccati. Il silenzio della Regione appare assordante», denuncia il giovane esponente del Pd di Marghera. Il dirigente regionale Giovanni Artico, uscito dall’inchiesta Mose dopo la scarcerazione, è stato sostituito da Alessandro Benassi ma al dirigente dell’Arpa non è stato assegnato il Progetto Venezia a cui il grande progetto del vallone fa riferimento. E quindi, è tutto fermo.

(m.ch.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui