Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Causa all’Eni se non rispetta i patti”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

lug

2014

Zaia incontra i lavoratori in sciopero contro le chiusure annunciate degli impianti. Bettin : «La riconversione ora rischia»

Tuoni e fulmini, con tanto di annuncio dell’invio di una lettera al premier Matteo Renzi e la minaccia diuna causa legale per «il mancato rispetto degli accordi sottoscritti con noi». Il governatore del Veneto, Luca Zaia – che da giorni veniva accusato da sindacati e molti consiglieri regionali «di pensare troppo all’emergenza profughi e per niente a quella dei dipendenti di Eni che rischiano il posto di lavoro», ha deciso ieri di incontrare i lavoratori della raffineria e del cracking dell’etilene di Porto Marghera, di proprietà dell’Eni, che stavano presidiando palazzo Balbi e non ha voluto essere da meno del suo collega Crocetta, governatore della Sicilia, che già dieci giorni fa ha dichiarato “guerra” all’Eni, insieme ai lavoratori, per la minacciata chiusura della raffineria di Gela. Anche per Porto Marghera il nuovo amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, stracciando tutti gli accordi che aveva firmato il suo predecessore Paolo Scaroni a Venezia, che prevedono investimenti (oltre 300 milioni di euro in tutto) per la bioraffineria già riconvertita e un nuovo impianto di chimica verde integrato a quello esistente del cracking. «L’accordo sottoscritto con Eni dalla Regione e dalle istituzioni veneziane non può in alcun modo essere disatteso – ha detto ieri Zaia dopo l’incontro avuto, insieme all’assessore Elena Donazzan, con la delegazione di lavoratori e sindacalisti dei chimici di Cgil, Cisl, Uil che protestava sotto palazzo Balbi –.Oggi stesso scriverò a Renzi perché abbia chiaro il nostro punto di vista. Siamo anche pronti ad impugnare sul piano legale quella intesa in caso di inadempienza ». Del resto Zaia, insieme all’allora sindaco Orsoni, all’ex ministro Clini (poi inquisito) e all’ex ad di Eni, Paolo Saroni (sostituito da Claudio Descalzi) che appena nominato ha annunciato la chiusura di raffinerie e impianti chimici con i bilanci in rosso, per concentrarsi su ricerca ed estrazione di petrolio e gas. Soddisfatti i lavoratori che chiedevano un incontro con Zaia che, un mese fa, ha assunto tutte le deleghe su Porto Marghera, bonifiche e riconversione industriale che aveva l’ex assessore, Renato Chisso, ancora in carcere per la Tangentopoli del Mose. «Finalmente – ha dichiarato Riccardo Colletti dei chimici Cgil « Zaia si è convinto del danno industriale e sociale che la chiusura degli impianti di Eni creerebbe nel nostro territorio ». «La determinazione nelle parole del governatore ci fanno ben sperare» ha aggiunto Massimo Meneghetti, dei chimici della Cisl «se però, non troveremo riscontri al sostegno fornitoci oggi siamo pronti a intensificare le proteste». E Cristian Tito dei chimici della Uil ha aggiunto: «ora che Zaia si è espresso, ci aspettiamo che Eni cambi atteggiamento e applichi gli accordi firmati». Oggi con i lavoratori dell’Eni di tutta Italia che protestano a Roma ci saranno anche lavoratori veneziani. E domani l’assessore Donazzan sarà a Roma, al ministero dello Sviluppo, dove è previsto un incontro tra Eni e sindacati. Intanto, l’ex assessore comunale all’Ambiente, Gianfranco Bettin, in una sua nota accusa Eni di aver «tradito tutti gli impegni assunti di fronte alla città, la prospettiva green e bio, la forte innovazione tecnologica, che avrebbero coinvolto raffineria e polo chimico e che si giovava della svolta impressa dagli enti locali, in particolare del Comune, su un piano di rilancio e di trasformazione sostenibile dei Porto Marghera». «Il voltafaccia della nuova dirigenza Eni » conclude Bettin «riporta indietro la storia e acuisce una crisi che, al contrario, si potrebbe incominciare a superare. Governo e parlamento, visto che Eni è controllata dallo Stato intervenire, tanto più oggi, nel vuoto istituzionale locale esistente». Anche il senatore dell’Udc, Antonio De Poli, in una nota si schiera con i lavoratori e chiede al governo di «fare chiarezza». L’Eni di Descalzi, invece, continua a non chiarire i piani per Porto Marghera; tranne Versalis spa (la controllata che gestisce il cracking) che in una nota ieri ha confermato l’investimento per un nuovo impianti di oli lubrificanti vegetali da realizzare con l’americana Elevance, a Porto Marghera.

Gianni Favarato

 

La nuova società per le aree cedute

La Regione rinvia la Newco per le bonifiche e il rilancio

Tra i numerosi accordi siglati negli ultimi due anni dall’ex amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, l’ex ministro dell’Ambiente Corrado Clini, l’ex sindaco Orsoni e il governatore Luca Zaia (l’unico ancora in carica), c’era anche quello che prevede la cessione da parte di Eni di 107 ettari di aree industriali dismesse eda bonificare a Porto Marghera, ad una nuova società –una Newco controllata al 50 % da Comune e Regione – che avrebbe il compito di mettere sul mercato le aree con un bando di interesse a livello europeo, da bonificare e riutilizzare con a disposizione i 50 milioni di euro messi a disposizione da Eni e dai quali vanno però detratti 12 milioni di euro che corrispondono al valore delle aree concordato dalle parti. Il terremoto istituzionale e politico della Tangentopoli del Mose – che ha tolto dalla scena gran parte dei firmatari di questo e altri accordi, come quello sulle procedura di bonifica, che dovrebbero permettere finalmente il risanamento e il rilancio produttivo di Porto Marghera – non sembra aver avuto conseguenze sulla Newco. Infatti, il Comune di Venezia ha approvato tutte le delibere in proposito, compresa quella che individua nella Live srl (Lido Eventi e Congressi) – una società in liquidazione interamente controllata dal Comune – la Newco (che avrà però un altro nome) e il via libera alla controllata Ive a acquistare il 50 % delle quote della nuova società. Ieri, ci si aspettava che anche la Giunta regionale facesse lo stesso passo autorizzando la sua controllata Veneto Acque ad acquisire il restante 50%delle quote di Live srl. Ma la relativa delibera è stata rinviata «per approfondimenti tecnici e finanziari » che, comunque «non mettono in discussione la decisione politica di avviare rapidamente la Newco», per la quale – dopo il via libera della Giunta regionale che potrebbe arrivare la prossima settimana – bisognerà poi definire una governance e ottenere la voltura delle autorizzazioni dei piani di bonifica da i ministeri competenti.

(g.fav.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui