Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Verrà realizzata lungo il Brenta-Cunetta ed entrerà in funzione ad aprile 2015: una convenzione con Vigonovo

Una centrale idroelettrica sul fiume Brenta-Cunetta in grado di produrre energia elettrica per oltre 1.350 abitazioni. Sarà realizzata e gestita da una società privata, ma una parte del ricavato sarà elargito anche al comune di Vigonovo
È già in fase di costruzione a nord del paese, sulle chiuse regolano la portata del fiume verso il mare. Il progetto è stato approvato dalla Regione del Veneto nell’agosto del 2012. La convenzione siglata tra la ditta appaltatrice dei lavori ed il Comune di Vigonovo prevede un contributo per il Comune pari al 3% dei proventi se la produzione di energia sarà minore di 6milioni di “chilowatt ora” all’anno. Un contributo che potrà aumentare del 4, 5, o 6 per cento se la produzione di energia sarà maggiore. Infatti più acqua passa sul fiume, maggiore sarà la produzione di energia elettrica. Di conseguenza maggiore sarà anche il guadagno per il Comune di Vigonovo. Secondo le stime, il contributo incassato dall’Amministrazione comunale si aggirerà dai 20mila ai 25mila euro all’anno.
«È comunque un ottimo risultato – ha affermato i vicesindaco Filippo Fogarin – in quanto nessuna legge prevede che la ditta gerente la centrale idroelettrica abbia l’obbligo di erogare contributi. Sono dell’avviso che esista una mancanza di legislazione in materia in quanto la centrale idroelettrica sfrutta comunque un’opera idraulica costruita con soldi pubblici».
La centrale dovrebbe entrare in funzione ad aprile 2015. La produzione media di energia elettrica prevista sarà i 6 e i 7 milioni di chilowattora all’anno, provenienti da fonte naturale rinnovabile e perfettamente in linea con il progetto «Vigonovo 2020», che si propone di diminuire le emissioni di anidride carbonica. La nuova centrale permetterà infatti la diminuzione di 4000 tonnellate di emissioni. Una volta terminata, la centrale idroelettrica sarà visitabile ed inserita nel calendario delle visite delle scolaresche di Vigonovo.

(v.com.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui