Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

RACCOLTA DIFFERENZIATA AL 70 %

È stato consegnato ieri dal vicepresidente di Veritas Giacinto Pesce al sindaco Andrea Follini e all’assessora Claudia Bonotto l’attestato di «Comune Riciclone» che anche quest’anno i cittadini di Marcon si sono conquistati attraverso la differenziazione dei rifiuti. Il dato con il quale Legambiente ha sancito la presenza di Marcon nell’elenco dei comuni virtuosi in Italia è il 70,52% di raccolta differenziata, che lo porta all’84° posto tra i comuni veneti con più di 10mila abitanti. Un dato importante che viene comunicato proprio nel periodo nel quale il Comune di Marcon sta incontrando i cittadini per presentare le modifiche all’attuale sistema di conferimento dei rifiuti.
Dal primo di ottobre verrà, infatti, introdotto nel territorio marconese un sistema di misurazione puntuale del rifiuto secco non riciclabile e del verde, modificato il calendario di raccolta, forniti dei nuovi bidoni per la carta, la plastica e il vetro/lattine. «Gli incontri con la popolazione continueranno – ha precisato il primo cittadino – anche durante il mese di settembre (il calendario è pubblicato sul sito del comune), con l’obiettivo di arrivare a risultati di ancor maggiore differenziazione e contenimento dei costi del servizio».
Intanto, proprio grazie alla raccolta differenziata eseguita, i cittadini marconesi che si recheranno presso l’ecocentro per conferire i propri materiali di scarto, potranno, dai prossimi giorni, portarsi a casa, fino ad esaurimento, una bottiglia in vetro riciclato.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui