Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

VALDASTICO NORD – M5S contro la A31 «Solamente una opera elettorale»

Il governo dà il via libera alla Valdastico Nord ed è subito polemica. Con il Movimento 5 Stelle che mette in dubbio l’utilità dell’opera ed attacca frontalmente l’ex parlamentare leghista Manuela Lanzarin, rea di aver espresso soddisfazione per l’inserimento della strada nello “Sblocca Italia”.

VICENZA – Il governo dà il via libera alla Valdastico Nord ed è subito polemica. Con il Movimento 5 Stelle che mette in dubbio l’utilità dell’opera ed attacca frontalmente l’ex parlamentare leghista Manuela Lanzarin, rea di aver espresso soddisfazione per l’inserimento della strada nello “Sblocca Italia”. E la prima contestazione che arriva dai pentastellati, nello specifico da quelli di Rosà e di Sandrigo e dal senatore Enrico Cappelletti, riguarda proprio questo decreto. Perché ne mettono in dubbio la reale attuazione: «Se lo “Sblocca Italia” sarà uguale al tanto pubblicizzato “Sblocca debiti della Pubblica Amministrazione! annunciato dal governo Letta e poi riannunciato dal governo Renzi, non si capisce da dove derivi la soddisfazione di Lanzarin». Contro la quele il Movimento 5 Stelle punta il dito: «Ci perdonerà l’onorevole Lanzarin, ma le ricordiamo che dopo 10 anni da sindaco di Rosà e altri cinque da onorevole, non è riuscita neppure a iniziare la bretella Ovest che da Bassano del Grappa doveva portare a Cittadella». Poi il ragionamento si sposta sull’opposizione di Trento, che da decenni dice ostinatamente “no” alla Valdastico Nord facendo muro contro un’opera che invece viene considerata prioritaria dal Veneto e da Roma. Ma per i grillini il niet di Trento è motivato. Da ragioni ambientali. «I testardi trentini», spiegano che il sito individuato per l’inizio della galleria è stato dichiarato dai geologi «zona di frana» a grave rischio di dissesto idro-geologico. La Regione Trentino, poi, preferisce addirittura incentivare il trasporto su rotaia e non congestionare l’area di Trento, che sarebbe già sufficientemente servita ampliando eventualmente la Valsugana». Per i penstastellati, quindi, i trentini fanno «un discorso serio di politica territoriale». Al contrario dei veneti. E questo, secondo loro, si spiega «con il caso “Mose”: opere pubbliche che servono solo a spartirsi tangenti tra politici. O con i casi ospedale di Mestre e Santorso megacostruzioni che ingrassano sempre i soliti e qui sì che son soddisfazioni: per i politici ed i pochi imprenditori corrotti e corruttori che si spartiscono la torta». E ancora: «Sono impresse nella mente di parecchi veneti le recenti alluvioni che hanno causato ingenti danni e purtroppo anche vittime. Possibile si continui a pensare sempre nella vecchia maniera? Costruiamo, cementifichiamo, asfaltiamo poi, caso mai, chiederemo lo stato di calamità naturale».
Insomma, per i Cinque Stelle la Valdastico è «un’esigenza più elettorale che reale. E qui parte un altro attacco. Stavolta ad Attilio Schenck: «La vuole solo il commissario della Provincia di Vicenza, confermato alla guida di A4 Holding società che ha interesse economico a continuare ad incassare le provvigioni derivanti dalle concessioni autostradali». E chiudono: «Che soddisfazione sarà per noi quando ci libereremo da questi personaggi, dilettanti allo sbaraglio, che di opere pubbliche conoscono solo l’effetto elettoralistico che ne deriva».

Roberta Labruna

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui