Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Dopo Tribunale di Dolo e Giudice di pace dovrebbe trasferirsi anche l’Inps. Gli operatori: «Diminuiti gli affari»

DOLO. Non si spegne la preoccupazione dei titolari di attività dolesi per il depauperamento degli Uffici Pubblici. Roberto Scaboro, titolare dell’American bar Miragé di Piazzetta degli Storti, una sorta di salotto nel cuore di Dolo a due passi dal Municipio e sino a poco tempo fa incastonato fra il Tribunale e la sede territoriale dell’Inps ed a poca distanza dalla sede amministrativa dolese della Veritas, un locale inaugurato l’11 febbraio 1981 e che ha visto farvi visita Vasco Rossi, Gerry Scotti, Enzo Iacchetti e Renzo Arbore, appare decisamente sconsolato.
«Con la chiusura del Tribunale vi è stato un ridimensionamento notevole delle presenze. Tra qualche settimane chiuderà anche il Giudice di Pace e così perderemo ulteriori clienti. In particolare non vi saranno più quelli legati agli studi legali.»
Ma la situazione non sembrare aver toccato il fondo. «Da mesi sento i dipendenti dell’Inps che mi dicono che entro fine anno gli uffici saranno spostati a Mirano ed anche la Veritas si sposterà nei nuovi locali costruiti dove un tempo c’era il campo sportivo».
C’è molta preoccupazione in chi vede ridursi la clientela a causa di decisioni politiche che hanno ripercussioni nell’indotto che determinano. L’imminente sagra di san Rocco, almeno durante le dieci serate della manifestazione, dovrebbero dare un pò di ossigeno a queste attività, ma il futuro cosa riserva?

L.Per.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui