Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Il Comune ha già firmato, ma la Giunta regionale non approva ancora la delibera che dà il via libera alla nuova società: dovrà gestire i 38 milioni di euro messi a disposizione da Eni per la bonifica

MARGHERA – Nuovo rinvio – il terzo in meno di un mese – della Giunta regionale, presieduta da Luca Zaia, che doveva approvare la delibera che dà il via libera all’entrata della sua controllata Veneto Acque spa nella nuova società pubblica – di cui è già socio il Comune di Venezia attraverso Ive spa – che dovrebbe, finalmente, creare le condizioni per l’avvio di nuove attività produttive e possibilmente nuovi posti di lavoro, nelle aree di Porto Marghera dove le industrie sono state chiuse da tempo. Intanto, per il prossimo 21 agosto il prefetto Domenico Cuttaia ha convocato i sindacati dei lavoratori chimici per affrontare l’ennesima minaccia di chiusura di impianti produttivi, stavolta quelli del cracking di Versalis, l’unica società dell’Eni – oltre alla Divisione Raffinazione – ad avere ancora uno stabilimento produttivo a Porto Marghera. L’unica certezza per Porto Marghera, almeno ad oggi, sembra questa: assistere ad un lento e totale smantellamento delle industrie chimiche e siderurgiche che hanno fatto la fortuna di Porto Marghera e creato decine di migliaia di posti di lavoro. Eni, però, oltre a chiudere interi cicli produttivi legati alla chimica di base, ha deciso di cedere gran parte delle aree industriali dismesse e da bonificare ad una nuova società (Newco) controllata al 50% da Comune di Venezia e Regione Veneto. Queste aree (107 ettari dislocati nella prima e seconda zona industriale) dovrebbero essere messe in vendita con l’obiettivo di rilanciarle con nuove attività industriali e logistiche, previa bonifica che verrebbe finanziata dalla Newco con i 38 milioni di euro messi a disposizione da Syndial, anche questa società di Eni, creata sulle spoglie dell’Enichem allo scopo di riqualificare e vendere le aree dismesse. Ma tutto è fermo finché la Giunta regionale non approverà la delibera che autorizza Venezia Acque spa a entrare nella Newco (che per il momento si chiama Live srl) dove è già presente il Comune attraverso la sua Immobiliare Veneziana, versando la sua quota di capitale sociale pari a 60 mila euro, una cifra irrisoria per la Regione. Va considerato infatti che la nuova società, in attesa dell’entrata di Veneto Acque, avrà a disposizione ben 38 milioni di euro (messi a disposizione da Eni insieme ai progetti di bonifica già autorizzati ma da realizzare) per riqualificare e rilanciare le aree industriali attraverso un bando di interesse pubblico a livello europeo. Al momento non è possibile capire perché il governatore Luca Zaia – che ha avocato a sé tutte le deleghe che prima aveva l’assessore competente, Renato Chisso – continua a rinviare la delibera che sancisce l’entrata della Regione nella Newco. La delibera è stata messa all’ordine del giorno della prossima riunione di Giunta (il 26 agosto), sarà la volta buona?

Gianni Favarato

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui