Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CAMPOLONGO – Nuovi cedimenti degli argini dovuti alle recenti piogge e smottamenti lungo il tratto del fiume Brenta fra Bojon di Campolongo e Sandon di Fossò. A segnalarli è il comitato Brenta Sicuro che invita la Regione a stanziare nuovi fondi da poter utilizzare per interventi di consolidamento delle rive. «Le frane degli argini», spiega per il comitato Marino Zambon, «non si fermano e nei giorni scorsi in due punti per un una lunghezza di quattro-cinque metri sono franate nel fiume parti delle rive che erano state segnalate come pericolanti. Se le rive del fiume crollano già nel periodo estivo cosa potremo aspettarci per l’autunno e l’inverno?». Il comitato ha censito nelle scorse settimane insieme ai volontari di Legambiente gli argini del Brenta e quelli dei principali corsi d’acqua della Riviera come Naviglio, Pionca e Serraglio.

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui