Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

LE CONFESSIONI DI BAITA, MAZZACURATI E MINUTILLO

CASO MOSE – Dal Riesame di Milano sul caso Milanese le conferme della fondatezza dell’inchiesta lagunare

«Il Consorzio, sistema illecito»

I giudici: così fu creata una rete per avere appoggi e complicità da politici, tecnici e burocrati

«Sono credibili e hanno confermato quanto già raccolto dagli inquirenti»

Era un «sistema a sfondo illecito» quello creato dal Consorzio Venezia Nuova «per la creazione di una rete di appoggi, connivenze e complicità, in grado di creare provviste extracontabili di pronto utilizzo per il pagamento di somme a esponenti della pubblica amministrazione a diversi livelli – politici, burocratici, tecnici, di controlo»
È il Tribunale del riesame di Milano a fornire un’ulteriore conferma al quadro probatorio delineato dalla Procura di Venezia nell’inchiesta sulle presunte “mazzette” per i lavori del Mose. Un “sistema” che prevedeva pagamenti «anche a prescindere dall’ottenimento di specifici risultati (comunque parallelamente perseguiti a seconda delle emergenze e delle esigenze) che comunque garantissero al Cvn di proseguire nelle proprie attività».
«SISTEMA ILLECITO» – I magistrati lombardi si stanno occupando dello stralcio delle indagini relative a Mario Milanese (all’epoca stretto colaboratore del ministro dell’economia, Giulio Tremonti) e al generale della Guardia di Finanza Emilio Spaziante, entrambi accusati di corruzione: il primo in relazione a 500mila euro che l’ex presidente del Cvn, Giovanni Mazzacurati, dice di avergli versato per ottenere il via libera ad alcuni fondi per il Mose; il secondo a presunte mazzette (altri 500mila euro, su 2milioni promessi) in cambio di informazioni riservate sull’indagine all’epoca appena avviata dalla Guardia di Finanza.
LE VIOLAZIONI FISCALI – Nell’ordinanza di 32 pagine con cui due settimane fa è stato confermato il carcere per Milanese, è effettuata un’analisi complessiva sulla fondatezza dell’inchiesta Mose: a convincere i giudici di Milano della solidità del quadro probatorio vi è innanzituto il fatto che «le indagini nascono a prescindere da dichiarazioni di chiamanti in correità, ed attengono a fatti posti a fondamento degli “strumenti” a disposizione della “struttura”: le violazioni di natura tributaria ed altri meccanismi fraudolenti che consentono di disporre di una cassa di fondi “neri” per la gestione illecita della “macchina” – come definita da Piergiorgio Baita», ex presidente della Mantovani.
Insomma, a fondamento delle accuse ci sono innanzitutto dati oggettivi, acquisiti nel corso dell’accertamento fiscale a carico di Mantovani e Cvm; elementi che poi «si arricchiscono, con le intercettazioni telefoniche e ambientali, con le voci dirette dei soggetti che mantengono in vita la struttura e la alimentano, costribuendo a delineare episodi – oltre che la trama generale – specifici, ricostruiti a prescidenre dalle dichiarazioni successive dei chiamanti in correità», scrive il Riesame di Milano.
CONFESSIONI CREDIBILI – Le confessioni di Mazzacurati, Baita e Claudia Minutillo (ex segretaria dellallora Governatore del Veneto, Giancarlo Galan) nonché degli altri indagati che hanno collaborato con la Procura di Venezia, costituiscono un successivo riscontro ad «elementi già a disposizione degli inquirenti»: circostanza che rafforza la loro credibilità e attendibilità.
Il Riesame di Milano scrive che è assai difficile ipozzare che «una volta divenuta nota a Mazzacurati la mole di informazioni a disposizione degli inquirenti, egli abbia potuto in qualche modo “manipolare” tali elementi per accusare soggetti “estranei” e proteggerne altri». E rilevano che le dichiarazioni di Baita non sono in contraddizione con quelle di Mazzacurati. Analoghe conclusioni a cui è giunto il Riesame di Venezia nel confermare il carcere per Galan, per l’ex assessore regionale alle Infrastrutture, Renato Chisso e per altri indagati che, secondo gli inquirenti, hanno avuto un ruolo di primo piano nei vari episodi di corruzione. L’inchiesta nel frattempo prosegue e, dopo l’estate, non è escluso che possano giungere nuove sorprese.

Gianluca Amadori

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui