Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Oderzo. Treno cancellato: studenti a piedi.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

30

ago

2014

IL DISSERVIZIO – L’entrata in vigore dei nuovi orari slitta al 19 ottobre. Pendolari nel caos

La corsa delle 7.05 da Treviso non c’è più. I sindaci si mobilitano: «Tavolo della mobilità»

Trasporto ferroviario: la Regione Veneto, area infrastrutture, ha inviato al Comune i nuovi orari della linea Treviso-Portogruaro. Appena qualche giorno fa il gruppo “Oderzo si muove” aveva osservato: «È ormai settembre, le vacanze sono quasi finite, le scuole ricominciano, i pendolari e gli studenti inizieranno presto a riprendere i mezzi pubblici. Le promesse le ricordiamo tutti: ora è tempo di mantenerle. Oderzo si Muove non dimentica».
Invece la prima difficoltà c’è già, e pure la Regione se n’è risentita. Il nuovo orario entrerà in vigore non già il 7 settembre, come era stato a suo tempo concordato con Trenitalia, bensì il 19 ottobre.
«Si precisa – scrive la Regione al sindaco di Oderzo avvocato Pietro Dalla Libera e alla Provincia di Treviso – che sono già state chieste a Trenitalia spa le ragioni del differimento, rispetto alla data del 7 settembre, concordata all’atto delle valutazioni di fattibilità tecnica nelle prime settimane di luglio, stigmatizzando l’ulteriore disservizio che tale posticipazione determina per l’utenza».
Insomma in Regione sono giustamente risentiti. Il nuovo orario è tutto sommato rispettoso di quanto discusso con i sindaci della tratta e con la Provincia, ma manca una corsa fondamentale: quella delle 7.05 da Treviso con arrivo 7.45 a Motta di Livenza, in pratica il treno degli studenti.
«Questo è gravissimo – tuona Francesco Montagner, incaricato dal sindaco di seguire tutti i problemi della viabilità ferroviaria -. Non è possibile che i ragazzi si alzino prima delle 6 (il primo treno da Treviso è alle 6.31) per arrivare a scuola alle 8. Altrettanto grave è questo slittamento di entrata in vigore dell’orario. Ieri mattina, dopo una riunione con il sindaco, abbiamo richiesto alla Provincia la convocazione urgente del tavolo della mobilità. Abbiamo chiesto che oltre a Regione, Provincia e Trenitalia sia presente anche Mom Mobilità di Marca. Vogliamo al più presto risolvere il problema del treno degli studenti. La nostra è una tratta, non è una linea ferroviaria che presenta le interconnessioni delle linee che ad esempio vanno ad Udine o a Trieste. Dunque su una tratta si può agire con maggiore margine di manovra. Noi chiediamo il treno degli studenti e su questo Regione e Trenitalia possono star certi che non molleremo».
Il movimento dei pendolari intanto sta esaminando i nuovi orari. Secondo alcuni i nuovi orari non tengono in considerazione le necessità delle persone che devono proseguire il viaggio verso Venezia.

Annalisa Fregonese

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui