Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

ARIANNA SPESSOTTO (5 STELLE)

«Trenitalia ignora i problemi dei cittadini»

«Dopo il taglio dei servizi estivi e la soppressione di decine di treni, ci mancava anche il rinvio del nuovo orario più favorevole ai pendolari» afferma Arianna Spessotto, deputato del M5S.

Rinviato il nuovo orario. Altri guai per i pendolari

Nessuna soluzione ai problemi dei pendolari. A puntare il dito contro l’ennesima beffa ai danni degli utenti delle ferrovie è la parlamentare del Movimento 5 Stelle Arianna Spessotto, in merito allo slittamento dell’entrata in vigore dell’orario, già concordato con Trenitalia, nella tratta ferroviaria Portogruaro-Venezia.
«Dopo il taglio dei servizi estivi e la soppressione di decine di treni, ci mancava anche il rinvio del nuovo orario più favorevole ai pendolari – attacca Spessotto -. Finché le criticità segnalate dai comitati dei pendolari e dal territorio non verranno prese in seria considerazione, il servizio ferroviario regionale non potrà che peggiorare». «Già lo scorso anno avevamo denunciato con un’interrogazione la scarsità di informazioni e di indicazioni ufficiali ai viaggiatori sui nuovi orari delle corse – continua la parlamentare veneta – un atteggiamento inaccettabile da parte di Trenitalia che ignora i bisogni reali di pendolari e utenti». Il Comitato dei pendolari e Legambiente del Veneto Orientale sottolineano come la Regione Veneto abbia tagliato le corse più costose, ossia quelle notturne, nei giorni festivi e di sabato, per garantire maggiori corse durante il giorno.
«Per la tratta Venezia-Portogruaro attendiamo il ripristino del treno notturno da Venezia alle 0,21 che trasportava un centinaio di viaggiatori ogni sera – spiega Nicola Nucera, referente dei pendolari -. Non sono state ripristinate nemmeno le corse nei giorni festivi, né la corsa serale delle 21,41 che era frequentatissima da turnisti e turisti. Permangono ore durante la giornata prive di treni in circolazione. Durante l’estate sono sparite ben 22 corse, tra cui quella per i turnisti mattutini che si recano a Venezia alle 6.30». Un incontro tra pendolari, sindaci del Veneto Orientale e i tecnici della mobilità della Regione è previsto per i prossimi giorni.

Davide De Bortoli

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui