Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

La nuova strada avrà quattro rotatorie e collegherà via Milano a via Boschi

Lavori affidati alla ditta Anese di Concordia, l’opera sarà conclusa nel 2016

SCORZÈ – Ora c’è il nome della ditta che realizzerà la tangenziale sud di Scorzè. Si chiama Anese di Concordia Sagittaria e i cantieri apriranno in primavera. Resta confermata la chiusura dei lavori nella seconda parte del 2016. Una ventina le ditte che hanno partecipato e ora saranno valutati tutti i documenti. Poi si darà il via al progetto esecutivo. Si dovrà costruire una strada, tutta in territorio comunale, che collegherà via Milano a via Boschi (Castellana), passando a fianco della zona industriale. Lunga attorno ai tre chilometri con due corsie per senso di marcia larghe 3,75 metri. Il tracciato avrà quattro rotatorie: in via Milano, via De Gasperi, via Volta e via Boschi (già esistente), da dove ci sarà la bretella di collegamento al casello del Passante. Su via Milano e via De Gasperi, la rotonda avrà due corsie e un diametro interno di 50 metri, quello in via Volta, stesso diametro ma a tre corsie. Valore del cantiere 6 milioni di euro, che in parte erano stati stanziati per la vecchia soluzione, da via Mestrina a via Volta, ma poi dirottati sulla nuova ipotesi. Dunque si è arrivati a un passo importante per aprire i cantieri, per una vicenda che si trascina da anni con il progetto cambiato in corsa quando ormai quello precedente sembrava in dirittura d’arrivo. La vecchia soluzione prevedeva il collegamento dalla rotonda di via Mestrina a Noale a via Volta a Scorzè passando a nord della centrale elettrica ma poi il Comune di Scorzè chiese di rivederla, facendo arrabbiare Salzano. Così il suo sindaco Alessandro Quaresimin ha fatto ricorso contro la Conferenza dei servizi che aveva decretato il cambio del progetto. In attesa di capire gli sviluppi, ora la vicenda fa segnare una nuova puntata.

Alessandro Ragazzo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui