Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – In mille per dire no al Contorta

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

set

2014

GRANDI NAVI – La protesta: tanti in barca sul Contorta

LA MANIFESTAZIONE Un corteo festoso ha percorso il canale destinato a far passare le navi

Ambientalisti, politici e famiglie hanno preso simbolicamente possesso dell’isola di Sant’Angelo

Più che una protesta, una festa del Redentore in formato mignon. Un centinaio di barche e circa un migliaio di veneziani si sono dati appuntamento ieri pomeriggio a Punta della Dogana per dire “no” allo scavo del canale Contorta-Sant’Angelo e ribadire “stop” al passaggio delle navi da crociera in laguna. Barche a motore, a remi e a vela che dopo aver circondato la punta della Salute si sono accostate le une alle altre, passandosi bicchieri di vino e sandwich proprio come avviene alla festa del Redentore.
IL CORTEO – Partenza verso le 15.30 dopo che i mezzi acquei a disposizione avevano caricato quante persone possibili, ben oltre la capienza. Presenti anche famiglie con bambini e sulla prua di qualche “topa” spuntano grossi cani. La musica è sulle note dei “Pitura Freska”, non si contano i palloncini e gli striscioni mentre il suono dei motori si mescola a quello di fischi e trombette. A far la parte del leone le bandiere: piratesche con il teschio, gialle di Legambiente, nere con la scritta “No Mose”, un tricolore e un gonfalone in testa al corteo. Tra i presenti anche l’ex consigliera comunale Camilla Seibezzi ed Elena La Rocca di M5S. Circa 400 persone sono rimaste a terra, salutando la partenza del colorato serpentone che ha sfilato nel Canale della Giudecca in direzione del Canale Contorta, quindi verso la fine di Sacca Fisola.
TRAMBUSTO – All’altezza del Redentore un motoscafo Actv è stato costretto a fermarsi in mezzo al canale perché la sua strada era ostacolata dalle numerose e disordinate imbarcazioni. Una manciata di minuti e il mezzo pubblico è riuscito a farsi largo e proseguire la sua corsa nell’affollato canale.
MANIFESTANTI – Presenti anche i dipendenti pubblici per protestare contro i tagli del commissario, ma in numero minore rispetto alle precedenti manifestazioni. A guidare il trenino sull’acqua il leader dei centri sociali Tommaso Cacciari: «Si vuole “calibrare” il canale Contorta scavando per 200 metri di larghezza e 10,5 di profondità, come trasformare un sentiero di montagna in autostrada. Inoltre, protestiamo contro i soldi pubblici destinati a questa “soluzione” in un momento in cui a Venezia si è tagliato di tutto, dagli stipendi ai servizi essenziali». Il corteo è poi proseguito a suon di slogan e canti. Il canale del Contorta-Sant’angelo è segnalato da due “dame” (tre briccole incrociate) e in molti, forse non distinguendo la delimitazione, hanno attraversato la barena passando all’esterno del canale ma ricongiungendosi poi davanti all’isola di Sant’Angelo della polvere (conosciuta anche come Sant’Angelo di Contorta).
SBARCO – L’isola è stata presa d’assedio dai manifestanti che hanno srotolato striscioni colorati appendendoli alle sue antiche mura. Davanti al pontiletto in legno un tappeto di barche si sono accostate l’una all’altra e con l’arrivo della “barca-bar” si è brindato all’iniziativa. E sullo sfondo dei festeggiamenti, una nave da crociera ha lasciato quatta-quatta il porto.

Giorgia Pradolin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui