Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

FOSSÒ – Ancora guai per la srl che ha due sedi: una in Riviera del Brenta e l’altra a Piove di Sacco

Ecolando chiusa, titolari arrestati

Tiziano Lando e il figlio Nicola sono accusati di “traffico illecito di rifiuti”

Padre e figlio arrestati, azienda sequestrata. Si tratta della Ecolando srl, che ha due sedi, a Fossò e a Sant’Angelo di Piove. Agli arresti domiciliari sono finiti Tiziano Lando e il figlio Nicola. Sono accusati di “traffico illecito di rifiuti”, uno dei rari casi di reati ambientali che prevede le manette. L’inchiesta che ha portato agli arresti e al sequestro dell’azienda è stata condotta dal Corpo forestale dello Stato e coordinata Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Venezia. Secondo le indagini del Corpo forestale i Lando aumentavano in modo truffaldino il peso dei rifiuti che arrivavano ai due impianti e poi facevano finta di trattare i rifiuti limitandosi invece a cambiare i codici CER – Codice Europeo dei Rifiuti. In questo modo la “merce” non cambiava solo nome, ma anche tipologia e quel che non poteva essere portato in discarica, perchè non trattato, improvvisamente diventata “buono”. I Lando, inoltre, avrebbero ricevuto più rifiuti di quanti potevano accettarne in base alle autorizzazioni. Oltre ai reati ambientali, la Procura ipotizza anche reati fiscali ottenuti dalla sovrafatturazione e dall’evasione.
La Procura avrebbe inoltre acquisito i registri di carico e scarico, che sarebbero in parte falsi. Oltre all’arresto dei due Lando e al sequestro della Ecolando, il Corpo forestale dello Stato ha effettuato 14 perquisizioni nelle Province di Venezia, Padova, Ferrara, Bologna e Modena. Intanto l’avv. Stefano Marrone, che difende Tiziano e Nicola Lando, ha già presentato ricorso al Tribunale della libertà contro il provvedimento che assegna gli arresti domiciliari a padre e figlio. Secondo la difesa, dunque, non ci sarebbero gli elementi per mantenere la custodia cautelare. Va detto che questa è la terza volta che i Lando finiscono nei guai per il trattamento dei rifiuti. Un processo sulla trasformazione in mobili delle vecchie traversine della ferrovia, impregnate di una sostanza altamente cancerogena, il creosoto, è in corso, ma finirà probabilmente in prescrizione e da un altro procedimento penale, i due Lando sono usciti assolti. La Ecolando Srl a Sant’Angelo di Piove di Sacco ha sede in via Padana 19 e, a Fossò, in zona industriale IX strada numero 109. Ecolando è nata come impresa di autodemolizione di veicoli, anche industriali e navali, ingrandendosi successivamente e specializzandosi nello stoccaggio e la lavorazione di rifiuti, compresi quelli speciali e pericolosi. Nel 2008 ha acquisito la CAL di Candian Loris & C. Snc e poi la M. & A. Srl. Nel 2010 la Bruneco Srl di Marghera.

(ha collaborato Vittorino Compagno)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui