Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – La Regione stoppa il Vallone Moranzani

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

set

2014

Il Moranzani ad un passo dallo stop definitivo. Dopo il tira e molla infinito sull’elettrodotto da interrare, ecco che stavolta è la Regione Veneto a bloccare la realizzazione della più grande opera di riutilizzo del territorio squassato da mezzo secolo di politiche industriali che hanno portato a trasformare in una discarica la zona di Malcontenta. Il problema è che la Regione ha rifatto i conti ed ha accertato che il progetto del Vallone Moranzani non sta in piedi dal punto di vista economico. Tant’è che Luigi Fortunato, Direttore dell’Area Infrastrutture, ha scritto una lettera a Luca Zaia – che lo aveva nominato in seguito agli arresti legati allo scandalo del Mose – con la quale sostanzialmente invita il presidente della Regione Veneto a rivedere il progetto. In particolare sotto la lente d’ingrandimento è finita la Sifa, una società partecipata dalla Mantovani – la ditta nell’occhio del ciclone nello scandalo Mose – che aveva il compito di “lavorare” i fanghi scavati dai canali industriali. Secondo i nuovi conteggi fatti dalla Regione, la quantità di “veleni industriali” che dovrebbero essere trattai dalla Sifa non è tale da permettere di finanziare tutti gli interventi previsti. Il meccanismo funziona così: il Porto paga la Sifa per il trattamento dei fanghi che derivano dallo scavo dei canali industriali di Marghera e la Sifa, oltre al proprio guadagno, si impegna a restituire alla Regione una parte dei quattrini che la Regione utilizza per opere di ogni tipo, dalle strade alle bonifiche, dall’eliminazione del rischio idraulico alla delocalizzazione della San Marco Petroli. E siccome dopo gli arresti dei funzionari regionali, Luca Zaia ha dato ordine di controllare per filo e per segno tutti gli appalti, ecco che è saltato fuori l’inghippo. «Spero proprio che Zaia non dia ascolto a chi gli suggerisce di bloccare tutto. Sarebbe una follia – taglia corto l’ex assessore provinciale all’Ambiente, Ezio Da Villa, che è l’artefice dell’accordo sul Vallone Moranzani – L’intervento è importantissimo per la riqualificazione del territorio di Marghera e di Malcontenta. Dunque, non si può bloccare tutto. Se Zaia ha paura anche della sua ombra e per questo blocca tutto, sappia che si prende enormi responsabilità con la popolazione perchè questo del Vallone Moranzani è stato un processo partecipato. Io dico che se ci sono problemi si verificano e si risolvono. Un bravo amministratore corregge gli errori, non si arrende». Peraltro, se venisse stracciato l’accordo con la Sifa, la Regione dovrebbe pagare una penale di 5 milioni all’anno per i prossimi 25 anni.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui