Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARGHERA – Appello di Casarin a Comune e Regione: «Il ministero dell’Ambiente ha promesso 70 milioni»

«Lancio un appello a Regione e Comune perché il lavoro di 8 anni sul Vallone Moranzani non vada perso. Si tratta di un intervento unico nel suo genere, che ha messo insieme tre Ministeri, la Regione Veneto, Provincia e Comune assieme ad aziende pubbliche e private. E non bisogna dimenticare l’apporto determinante delle popolazioni interessate, che sono state coinvolte in questo progetto fin dal primo momento». Così Roberto Casarin che per otto anni è stato Commissario per l’emergenza socio economico ambientale relativa ai canali portuali. Casarin ricorda che sono stati dragati 8 milioni di metri cubi di sedimenti portuali «e questo ha consentito al Porto di Venezia di tornare a volumi di traffico notevoli, ben superiori a quelli del periodo precedente». Ma soprattutto che è stata messa a punto l’impiantistica per la gestione dei sedimenti che ancora restano da “lavorare”. E fu proprio la Sifa, la società partecipata dalla Mantovani, a proporre a Casarin di lavorare i fanghi a Marghera. «C’erano due possibilità: scavare e portare tutto fuori regione, magari all’estero, spendendo 120 euro al metro cubo, oppure farsi l’impianto in casa e utilizzare quei 120 euro in parte per i fanghi e in parte per tutti gli altri interventi. La soluzione scelta è stata questa seconda e ha messo la città nella condizione di essere autosufficiente anche per il futuro per quanto riguarda la lavorazione dei terreni industriali inquinati. Ricordo e non per polemica, ma solo per amor di verità che abbiamo buttato al vento 40 milioni di euro per il famoso “buco” del Lido di Venezia. Lì è stato deciso di scavare e portare fuori regione, mi spiego?». Ecco perché Casarin chiede a Zaia di non bloccare l’intervento sui Moranzani, messo in dubbio perché il piano finanziario non starebbe in piedi. «È vero, ma a Regione e Comune dico di tornare alla carica con il Ministero dell’ambiente che ha promesso 70 milioni su questo intervento e non li ha messi. Bisogna rimettere tutti attorno ad un tavolo e ricominciare a ragionare sul da farsi». Stessa richiesta arriva dai consiglieri regionali Bruno Pigozzo e Lucio Tiozzo. «Non è accettabile che Zaia imponga il blocco del risanamento del Vallone Moranzani, lasciando in sospeso e senza prospettive un progetto che era stato costruito in accordo con la popolazione – dicono i due consiglieri Pd – Il percorso per questo intervento va responsabilmente ripreso e portato a termine». E resta pure da realizzare l’interramento dell’elettrodotto.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui