Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Marghera, 100 milioni per la riconversione

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

ott

2014

ECONOMIA – Primo stanziamento dal ministero, entro due mesi vanno presentati i progetti

Ecco i primi cento milioni per la riconversione di Porto Marghera. Li mette a disposizione il ministero dello Sviluppo economico (Mise) e serviranno a realizzare opere di sicurezza idraulica e infrastrutture, ma anche per completare il marginamento dei canali industriali. La notizia è stata data ieri ai partecipanti del Tavolo permanente per Porto Marghera, quindi agli enti locali, forze sindacali e rappresentanti di categoria. Il Mise ha però messo in chiaro una cosa: i soldi sono disponibili, ma i progetti devono essere presentati in fretta, entro due mesi, altrimenti c’è il rischio di perdere i finanziamenti e la possibilità di un primo investimento sulla viabilità, tra strade e ferrovia, ma anche per risolvere alcune criticità idrauliche, che a Marghera non mancano, a cui aggiungere il completamento del marginamento dei canali delle quattro macro-aree che compongono la zona industriale.
«Questi sono i primi soldi messi a disposizione per la riqualificazione di Porto Marghera. Dal Mise ci aspettavamo di più», ricorda Massimo Meneghetti, segretario Femca-Cisl di Venezia. Il piano per la riconversione e la riqualificazione industriale di Porto Marghera prevede un investimento pubblico-privato di circa tre miliardi. I cento milioni sarebbero una prima tranche.
«In realtà sono i soldi di una sorta di sanzione data a suo tempo all’Alcoa, siamo di fronte a una scatola vuota», stigmatizza Riccardo Colletti, segretario veneziano Filctem-Cgil. Le forze sindacali si aspettavano più risposte dal Tavolo permanente, a partire dalla convocazione al Mise per il caso Eni-Versalis, che riguarda la chiusura del cracking e un piano di sviluppo da 200milioni. Visto che la chiamata ministeriale non è arrivata, le segreterie dei chimici di Uil, Cisl e Cgil hanno chiesto un intervento diretto del prefetto di Venezia, Domenico Cuttaia. Oltre a questo, i sindacati hanno chiesto chiarezza anche sulla società mista Regione-Comune di Venezia per la gestione delle ex aree Syndial, un intervento per verificare il progetto dell’Oleificio Medio Piave, e anche l’assegnazione dei tre milioni di euro per le ultime bonifiche degli impianti dell’ex Vinyls. «Ci aspettiamo che vengano coinvolti i lavoratori di Vinyls», conclude Meneghetti.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui