Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

“La complessità va dominata”, ha detto De Piccoli all’Ateneo Veneto ieri pomeriggio, presentando la versione riveduta e corretta del suo progetto. Molti interventi hanno ricordato che la complessità deve comunque impiantarsi su alcuni assunti molto semplici: 1) Venezia è laguna (cfr. lo slogan ideato da Jane Da Mosto); 2) una laguna può anche essere un porto, ma sicuramente non un porto per navi di dimensioni incompatibili con essa; 3) una laguna va regolata artificialmente – certo, altrimenti si interrerebbe! – ma in nessun caso trasformata in baia marina o manomessa con l’escavo di canali inconcepibili se non da una mente “Contorta”. Ottimo l’intervento di Armando Danella, che ha invitato i veneziani a tenere alta la vigilanza e mobilitarsi, data l’insufficiente caratura etica di molti personaggi collocati nei posti chiave della politica. Anch’io avrei un mio progetto, che espongo: creare negli ex stabilimenti chimici o comunque industriali dismessi di Marghera una replica della Venezia storica, che potremmo chiamare “Venezia due”: una simil-Venezia tipo il complesso “The Venetian” di Las Vegas, ma con tutti i comfort della modernità: ponti con scale mobili, tapis roulants, teatranti sempre in costume pronti a inscenare pantomime con gli stereotipi della venezianità… ove dirottare il turismo più becero, liberando il centro storico dalle carovane più oscene. A “Venezia due” si dovrebbe arrivare rigorosamente via terra. Di lì, dopo essersi saziati di cattedrali psichedeliche, gondole di plastica su canali fluorescenti (tipo Aquafan di Riccione) i più volonterosi potrebbero anche regalarsi un tour nella Venezia storica), ma non necessariamente: sono certo che molti si accontenterebbero di quella fasulla. Così eviteremmo di far diventare Venezia come la temuta Gardaland, perché quella si concentrerebbe appunto in “Venezia due”. A me l’idea pare affascinante. Va perfettamente incontro all’affermazione marxiana «A ciascuno secondo i suoi bisogni».

Lucio Angelini – Lido di Venezia

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui