Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Off shore in dirittura. Il 27 riunione a Roma

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

11

ott

2014

Costa: «opera necessaria»

VENEZIA – E il Porto va avanti con il progetto off shore, la piattaforma d’altura da 3 miliardi di euro che dovrebbe accogliere in un prossimo futuro le petroliere e le grandi navi porta container. L’Autorità portuale ha annunciato ieri la convocazione da parte del ministero delle Infrastrutture di una riunione della Conferenza dei servizi (il 27 ottobre a Roma) per «acquisire le ultime osservazioni da parte di tutti i soggetti pubblici e privati interessati alla realizzazione dell’opera». «È l’ultimo passaggio amministrativo prima della sottoposizione del progetto al Cipe», commenta il presidente del Porto Paolo Costa, «per l’approvazione definitiva e la definizione del finanziamento in partenariato pubblico-privato». Un’altra grande opera «necessaria», secondo Costa, «per realizzare un grande sistema portuale off shore-onshore capace di garantire l’accessibilità nautica allo scalo nonostante i limiti alla profondità dei canali imposti dalle barriere mobili del Mose».

Una questione che torna a far discutere. «Il Mose non servirà e comunque è stata persa la scommessa di far convivere salvaguardia e portualità», ha detto l’ingegnere Luigi D’Alpaos. Per quello il Consiglio comunale (sindaco Costa) aveva chiesto venisse realizzata a Malamocco anche la conca di navigazione da affiancare al Mose. Ma dopo nemmeno dieci anni la conca è già piccola. Lo stesso Costa aveva chiesto al Magistrato alle Acque, che l’ha costruita con il Consorzio Venezia Nuova, di «adeguarla» alle nuove grandi navi. Invece si è scelta adesso al strada dell’off shore. Solo per le merci e non per i passeggeri, costo minimo 3 miliardi di euro. Ma la prima tranche di finanziamenti attesa dal Cipe (100 milioni) è stata stralciata. E la vicesegretaria del Pd Deborah Serracchiani ha in sostanza bocciata l’opera. Che però continua il suo iter.

(a.v.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui