Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Ho letto sulla “Nuova Venezia”di qualche giorno fa che il sindaco di Santa Maria di Sala, Fragomeni, ha deciso di consentire a chi vive nelle case di campagna di edificare in prossimità dell’abitazione le case dei figli: non più, dunque, semplici ampliamenti dell’esistente, ma fabbricati completamente separati dalla casa paterna. Questo provvedimento, apparentemente innocuo, è in realtà deleterio, poiché non fa altro che incentivare il famoso e perniciosissimo fenomeno dello “sprawling” urbano, cioè il processo di cementificazione progressiva del territorio agricolo tramite la diffusione sparsa di fabbricati. Si tratta di un fenomeno assolutamente antistorico e fortemente biasimato dall’opinione pubblica, che la moderna visione politica tende a disincentivare sempre più ma di cui, evidentemente, ancora troppi politici appartenenti alla vecchia “scuola” sottovalutano le gravissime conseguenze a lungo termine. Il progetto di legge regionale attualmente in discussione e promosso da tutti gli schieramenti politici mira proprio a disincentivare in ogni modo questo pericoloso fenomeno che mina la sopravvivenza stessa del paesaggio agricolo nostrano. Sollecito la Regione Veneto a impugnare il provvedimento del sindaco di Santa Maria di Sala.

Francesco Boato – Mirano

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui