Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CASTELFRANCO – Si temono rischi da un punto di vista ambientale

Un fronte compatto si oppone alla vendita dell’area

CASTELFRANCO – Un no gridato a gran voce da diverse forze politiche cittadine contro la vendita all’asta del terreno tra via Sile e via Lovara, che l’Amministrazione comunale ha fissato per il 30 ottobre. Centoventimila metri quadri, con 720mila metri cubi di cemento autorizzati, la cui alienazione al Pd proprio non va giù: «Non si possono ignorare le 3000 firme raccolte dal Comitato Noecomostro per impedire la vendita».
Secondo il Pd il rischio è evidente: «La vendita del lotto va nella direzione opposta rispetto al ripristino di aree dismesse, si dovrebbe puntare ad uno sviluppo sostenibile, e invece si favorisce la concentrazione di sostanze inquinanti».
Il timore è che l’area venga acquisita da un colosso aziendale, che, anche secondo il consigliere indipendente Elena Magoga, «determinerebbe una devastazione ambientale».
Contrario anche il gruppo Vivere Castelfranco, secondo cui la a strada da percorrere è un’altra: «L’area dovrà essere parzialmente utilizzata in futuro per ospitare parte di un sottopassaggio o di un cavalcavia. Perché cederla ad un privato per poi dover fare un esproprio parziale per fare un opera pubblica?».
Non manca il no del M5S: «Ricorreremo a tutti i mezzi possibili per bloccare la svendita di un terreno che è patrimonio dei cittadini. No alla cementificazione selvaggia del territorio e alle opere inutili che sottraggono terra vergine».
E sulle possibilità di creare nuovi posti di lavoro?
Il fronte dei no non ci crede: «I posti tanto millantati dal sindaco Luciano Dussin non sono garantiti, abbiamo chiesto di assumere impegni scritti su questo fronte, non ci è giunta risposta».

Maria Chiara Pellizzari

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui