Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – “Vallone Moranzani. Zaia esca allo scoperto”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

ott

2014

MARGHERA Il presidente della Municipalità Dal Corso chiede una presa di posizione chiara

MARGHERA – La Municipalità di Marghera chiede una presa di posizione al presidente della Regione su Vallone Moranzani

«Sul Vallone Moranzani, Zaia deve uscire allo scoperto». È il presidente della Municipalità di Marghera Flavio Dal Corso a chiedere una presa di posizione del presidente della Regione sul progetto di riqualificazione che interessa Malcontenta e Marghera. E a pretendere che la popolazione sia informata sugli sviluppi del piano. «A settembre avrebbe dovuto tenersi la consueta assemblea pubblica con cui, nell’ambito di Agenda 21, i vari enti firmatari nel 2008 dell’accordo di programma Vallone Moranzani, spiegano come procedono i vari ambiti di interventi della riqualificazione. Dopo una serie di solleciti ci è stato comunicato, invece, che l’assemblea non si sarebbe tenuta. Se la Regione non convocherà una riunione al più presto, – afferma Dal Corso – saremo costretti a convocarci come consiglio di Municipalità e, dopo, a chiamare a raccolta la popolazione per un confronto pubblico».
Che la partita Vallone Moranzani stia vivendo la sua fase di stallo più critica non ci sono dubbi. Stallo legato alla mancanza di risorse che dovevano giungere a seguito dello stoccaggio di fanghi pericolosi nella discarica di Malcontenta. «Mancando terre di scavo da conferire in discarica – spiega Dal Corso – vengono a mancare risorse da investire nel programma Moranzani. Mai come adesso noi e la popolazione, che è sempre stata coinvolta nell’operazione, abbiamo bisogno di sapere cosa accadrà». Soprattutto per la vicenda dell’interramento degli elettrodotti che partono dalla centrale Enel compromessa, a suo tempo, da una sentenza del Consiglio di Stato che ha “congelato” il progetto, e per la questione viabilità. «Sta progressivamente procedendo l’attivazione del terminal RO-RO a Fusina con l’attivazione della prima delle quattro banchine che verranno attivate. Il volume di traffico è aumentato e continuerà ad aumentare. Vogliamo sapere quando – conclude il presidente di Marghera – verrà ultimata la viabilità, in via di realizzazione, che permette di diversificare i flussi di traffico urbani da quelli portuali e ora turistici e che Malcontenta chiede da decenni».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui