Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

SAN DONÀ «Il ministero dell’Ambiente faccia pressioni su Italferr per il ritiro dell’Alta Velocità-Alta Capacità Venezia-Trieste». A chiederlo è la deputata del M5S, Arianna Spessotto. È lei la prima firmataria di una lettera con richiesta di chiarimenti inviata alla direzione di Valutazione d’impatto ambientale (Via) del ministero, con esplicita istanza di fare pressione su Italferr perché ritiri immediatamente il progetto del tracciato litoraneo della Tav.

«Essendo il proponente l’unico soggetto titolato a chiedere la sospensione dell’iter progettuale», spiega Spessotto, «la commissione Via del ministero dell’Ambiente, dove il progetto risulta tuttora istruito nonostante siano trascorsi ormai quattro anni dalla sua presentazione, deve procedere con la richiesta a Italferr di ritirare il progetto».

La deputata del M5S ricorda che sul progetto «si sono espressi negativamente Veneto e Friuli, nonché la stessa Rete Ferroviaria Italia, per cui è davvero incomprensibile che il progetto della Tav non sia stato ancora accantonato».

(g.mon.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui