Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Petrolchimico

I dipendenti dell’Eni della provincia di Venezia hanno scioperato ieri per 8 ore – come deciso a livello nazionale dai tre sindacati di categoria di Cgil, Cisl, Uil – contro «i tagli già annunciati verso i settori industriali della petrolchimica e della raffinazione, contro la prospettata vendita del gruppo Saipem che mettono in pericolo centinaia di posti di lavoro e contro la chiusura del cracking di Versalis (controllata da Eni) di Porto Marghera». Una nota della Filctem-Cgildi Venezia spiega che « lavoratori della Raffineria di Venezia, di Eni Corporate, dei depositi di Petroven e delle altre società controllata da Eni (Tecnomare, Digas-Gas Power, Saipem) hanno aderito numerosi, sfiorando in alcuni casi la totalità, a questo sciopero realizzato nel quadro della mobilitazione decisa a livello nazionale in tutti i siti di Eni». Davanti agli impianti produttivi – comprese le aree di carico dei combustibili sulle autobotti che riforniscono i distributori Eni del Nordest – sono stati organizzati volantinaggi per spiegare agli altri lavoratori e ai cittadini le motivazioni dello sciopero. Intanto è arrivata l’attesa convocazione per domani al tavolo del ministero dello Sviluppo sul piano industriale di Versalis per il cracking e la “chimica verde” a Porto Marghera.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui