Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Espropriato per l’A4 che non c’e’.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

13

nov

2014

AUTOSTRADA – La protesta di un giovane che non può costruire la casa per cui paga già un mutuo

Solo a Portogruaro sono 230 i terreni coinvolti, ma la terza corsia è stata “congelata”

«Gli espropri per l’A4 hanno condizionato il nostro futuro».
È un sentimento misto di impotenza e di rabbia quello espresso dalla parole di un giovane portogruarese che, due anni fa, si è visto espropriare un terreno di ottomila metri quadri per la realizzazione della terza corsia dell’A4 Venezia-Trieste. Un’opera che, stando alle ultime comunicazioni di Autovie Venete, verrà completata solo nel 2031.

Per la concessionaria è infatti prioritario il tratto che va da da Fossalta a Palmanova, lasciando ai prossimi anni quello che va da San Donà a Portogruaro. Con buona pace degli espropriati, fino ad Alvisopoli circa un migliaio, che ad oggi non hanno ancora avuto comunicazioni sull’iter del procedimento. Uno di loro è un giovane di Portovecchio: «Alcuni anni fa – spiega – ho acquistato un terreno con un rustico che avevo intenzione di ristrutturare per andarci a vivere con la mia compagna. Dopo aver sistemato tutte le carte e ottenuto tutti i permessi, compresa l’autorizzazione di Autovie sulle distanze dall’autostrada, nel 2012 mi è arrivato l’avviso di esproprio per una parte consistenze del terreno sul quale si affaccia questo rustico che, nel progetto, era stato pensato come una casa di campagna con ampie vetrate al piano terra. Ad oggi non sappiamo se e quando questo procedimento verrà concluso, ci troviamo con un terreno vincolato, senza alcun tipo di risarcimento e con un progetto di ristrutturazione che deve per forza essere rivisto».

Da pochi mesi il giovane è poi diventato papà: «Per dare una casa adeguata alla mia famiglia, nell’incertezza di questa situazione, ho dovuto spendere più di 50mila euro per sistemare un piccolo appartamento che oggi è diventato la nostra casa – riprende -. Nel frattempo, tra mille difficoltà economiche, è da luglio del 2010 che pago un mutuo senza poter usufruire della nuova abitazione. Quello che chiedo è solo di avere delle risposte su quando e come finirà questa storia». Nel Comune di Portogruaro le proprietà interessate agli espropri per la terza corsia sono ben 230.

Teresa Infanti

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui