Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Venezia. Grandi navi, Non vendiamoci il futuro.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

13

nov

2014

Il Gazzettino di sabato 25 ottobre pubblica: Costa: “D’Alpaos? Ho due lettere in cui dà il via libera al nuovo canale” sotto la firma di Michele Fullin.

Come dire: “Adesso voglio, posso e comando”; poiché sia bene o no poco importa. Così il nuovo danno che subirebbe ancor una volta la laguna come lo è stato con il canale dei Petroli che sarebbe l’economia del territorio del momento. E per il futuro? Certo che se Costa e altri del suo stesso parere favorevoli allo scavo del secondo canale per lo stesso motivo dei petroli avesse intrapreso il mestiere del pescatore e anche lo fossero state, non avrebbe tanta grinta e forza di battersi coi denti per dare il via libera a tale scavo; perchè capirebbe bene che la laguna è stata da sempre la fonte economica di tantissime famiglie molto meglio di un datore di lavoro che mai doveva fallire.

Infatti più specie pescavi e più ce n’erano. Altroché il giudizio “sono solo osservazioni tecniche, le studieremo” in tutte le cose come dice il proverbio l’esperienza pratica vale più della grammatica in particolare se riguarda l’osservazione della natura dei territori. Più volte nei miei libri e non solo l’ho detto e lo ripeto, quando una cosa viene rovinata essa rimane tale per sempre al danno del futuro. Possibile mai che per l’economia del momento venga tolto e cancellato un pezzo del futuro? Ecco che poi le nuove generazioni devono andare via dal paese, all’estero, per cercare lavoro appunto perchè il nostro territorio in genere viene venduto o calpestato. Proprio cosa d’altro mondo.

Qualcuno potrebbe dire ma tu cosa vuoi? Un’economia naturale come ci hanno insegnato le nostre radici: terra e mare. Solo dopo viene tutto il resto che serve alla vita.

Gianfranco Vianello – San Pietro in Volta

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui