Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Rinviate le udienze penali del Giudice di pace di Dolo del 17 e 24 novembre, anche se l’ufficio chiuderà il 25. Ad annunciarlo, due documenti firmati dall’avvocato Tiziana Cristante, giudice di pace coordinatore di Dolo. «Visto il decreto ministeriale con cui è soppresso l’ufficio del Giudice di pace di Dolo accorpandolo a Venezia», si legge, «ritenuto che l’ufficio di Dolo cesserà di funzionare alla data di entrata in vigore del decreto, ovvero il quindicesimo giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, per tale motivo, dispone il rinvio dell’udienza».

L’udienza del 17 novembre è stata rinviata al 16 febbraio,quella del 24 novembre al 16 marzo. Le udienze si terranno a Venezia. Questi rinvii seguono quello di lunedì scorso dovuto alla mancanza a Dolo del pubblico ministero e dei fascicoli dei procedimenti. S

ulla chiusura del Giudice di pace di Dolo interviene Stefano Marrone, avvocato penalista di Dolo. «È assurdo», spiega, «che Dolo e tutta la Riviera restino per un mese senza giustizia penale. Rinvii di nove mesi dei procedimenti penali possono portare alla prescrizione del reato a danno delle persone offese. Questo anche grazie ad amministrazioni incapaci di gestire la questione giustizia».

(g.pir.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui