Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Fumo delle navi, nuovo esposto in Procura

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

16

nov

2014

Roberto Vianello, delegato Ambiente della Municipalità: «Che fine ha fatto l’accordo Blue Flag 3?»

Nuovo esposto alla Procura della Repubblica sui fumi (neri e densi) delle navi da crociera in transito per il Canale della Giudecca e il Bacino di San Marco. A firmarlo – questa volta – è il consigliere Roberto Vianello, con delega all’Ambiente e alla portualità per la Municipalità di Venezia, Murano e Burano. Alla segnalazione, il consigliere allega fotografie della nave passeggeri Zenith della Croissières de France (battente bandiera maltese, 47 mila tonnellate) e della Msc “Preziosa”, entrambe con pennacchi neri in uscita dai camini.

«Ho inviato segnalazioni alla Capitaneria di Porto», segnala Vianello nel suo esposto, con i giorni di riferimento, «ma l’Autorità Marittima non mi ha ancora risposto, nemmeno in via interlocutoria». Tre le segnalazioni alla Guardia Costiera – dichiara il consigliere di Municipalità con delega ad Ambiente e Porto – ma nessun riscontro.

«Ho chiesto anche chiarimenti in merito all’esistenza di un eventuale accordo con gli armatori, il Venice Blue Flag 3 rinnovato per il 2014», prosgeue Vianello, «per la riduzione volontaria allo 0,10% del tenore di zolfo nei carburanti, accordo scaduto nel dicembre 2013: non c’è concordanza tra la realtà osservata tutti i giorni dalle finestre di casa e le emissioni nel canale Giudecca-Marittima e l’Autorità portuale di Venezia che asserisce di gestire un porto all’avanguardia per uso carburante super green». La Procura ha già archiviato precedenti indagini, perché i dati Arpav – pur segnalando presenze di inquinanti da Tangenziale – non evidenziavano superamento di limiti tali da mettere in pericolo la salute pubblica. «Abbiamo fatto numerose segnalazioni in questi anni, purtroppo senza esito», commenta Luciano Mazzolin, di Ambiente Venezia, «ma continueremo la nostra azione coinvolgendo il Parlamento Europeo».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui