Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Il comitato promotore per una legge regionale ad hoc ha raccolto le adesioni necessarie

CHIOGGIA – Ne servivano 500, ne sono state raccolte, in meno di un anno, 705. Il comitato promotore di una legge regionale per finanziare la ferrovia Chioggia-Padova-Venezia, ha depositato ufficialmente in Comune le firme dei cittadini e chiede all’Amministrazione comunale di discutere la questione in Consiglio e di votare la delibera di iniziativa popolare già preparata dal comitato che, nei giorni scorsi, ha anche incontrato il presidente del Consiglio Daniel Tiozzo Fasiolo.

L’obiettivo, una volta votata dal Consiglio locale, è di arrivare direttamente a quello regionale. La proposta di legge risale nei contenuti al 2007 ed è stata redatta, su iniziativa di un gruppo di cittadini, con l’assistenza dell’Ufficio legislativo regionale (2009-13). Si fonda sull’applicazione dell’articolo 55 dello Statuto comunale e dell’articolo 20 del nuovo Statuto del Veneto, che consente a un Comune con oltre ventimila abitanti di presentare una proposta di legge.

«Già un passo avanti – afferma l’avvocato Giuseppe Boscolo, portavoce del comitato – sarebbe quello di poter discutere lo studio di fattibilità già esistente per la ferrovia in questione. L’ex assessore Renato Chisso si è sempre rifiutato e, ancora una volta, chiediamo alla Regione di renderlo pubblico e di permettere ai cittadini di discuterlo».

Marco Biolcati

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui