Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Chioggia. Verso lo sciopero per salvare l’80

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

nov

2014

TRASPORTI – I sindacati pronti alla mobilitazione contro la privatizzazione della linea Actv

L’opposizione difende la Provincia, ma Mantovan attacca: «Disattesi gli accordi»

La privatizzazione della linea 80 diventa un caso politico e intanto i sindacati, se nulla cambierà, potrebbero annunciare lunedì uno sciopero.
In città la questione continua a tenere banco e lunedì pomeriggio è in programma una commissione consiliare, in seguito alla quale Cgil Cisl e Uil potrebbero indire una mobilitazione dell’Actv. La tratta Chioggia-Venezia è infatti utilizzata da tantissimi pendolari, ma anche dagli stessi dipendenti Actv, in gran parte chioggiotti. Il timore è che la privatizzazione porti alla riduzione delle corse e della qualità del servizio. L’opposizione locale difende però l’operato della Provincia: «Il Pd ha volutamente creato allarmismo – affermano Beniamino Boscolo Capon, coordinatore provinciale di Forza Italia, Marco Dolfin, capogruppo Lega nord e Claudio Bullo della lista civica Chioggia -. Anche noi siamo preoccupati della possibile esternalizzazione del servizio, ma l’assessore Grandolfo ha comunque rassicurato tutti su molti punti. Basta infatti guardare il bando della gara che ha come criteri il miglioramento del servizio, con tanto di penali in caso di inadempimento e mancato rispetto della “carta della qualità dei servizi”». Ma la maggioranza tira dritto e punta il dito contro la Provincia. «Una scelta incomprensibile e vergognosa che mi auguro venga rivista – afferma il segretario del Pd locale Christian Boscolo Papo -. Siamo di fronte a un fatto gravissimo che colpisce direttamente la nostra città, migliaia di pendolari chioggiotti che ogni giorno lavorano a Venezia e, non ultimi, i lavoratori Actv che rischiano pesanti ripercussioni». Anche l’assessore alla Mobilità Mauro Mantovan attacca la Provincia: “«Dopo lo schiaffo ricevuto dalla città di Chioggia e dai comuni del litorale da parte della Lega nord che ha bocciato il federalismo dei rifiuti spiaggiati, ecco un nuovo colpo sui trasporti. L’esternalizzazione del servizio va contro l’accordo sottoscritto nell’agosto 2013 tra i comuni di Chioggia e Venezia con la Provincia. Nell’intesa raggiunta c’era l’impegno di mettere a gara solo i servizi già subaffittati (nel caso del nostro comune la linea 21 e la linea delle frazioni), senza alcuna ripercussione occupazionale in Actv».

Marco Biolcati

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui