Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Venezia. Offshore, nuovo sgambetto da Trieste.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

4

dic

2014

LA GUERRA DEI PORTI – Emendamento: stop ai finanziamenti. E Costa si appella ai parlamentari veneti

Il progetto veneziano nel mirino di un attacco di 50 senatori, guidati dai Pd Russo e Filippi

Lo scontro è ancora una volta a distanza. Ma non solo tra Venezia e Trieste, ora tocca Londra, si allarga a Bruxelles e si conclude a Roma. Ma dalla Capitale arrivano solo “staffilate”. E tocca al presidente dell’Autorità portuale di Venezia, l’ex ministro Paolo Costa, vendere cara la pelle. Questa volta lo ha fatto coinvolgendo la capitale del Regno Unito e la sede dell’Unione Europea.

La sequenza è “interessante”: è bastato raccogliere il successo e l’interesse degli investitori europei e il titolo di “buone pratiche” nel partenariato europeo pubblico-privato nell’ambito del convegno “TechiItaly” (nella capitale belga sul progetto del porto d’altura), che da Roma è arrivato un nuovo “siluro”: un emendamento che chiede, senza mezzi termini, lo stop al progetto del porto offshore di Venezia. Fra i primi firmatari ci sono due senatori Pd, il triestino Francesco Russo e il toscano Marco Filippi, ma il documento ha raccolto le firme di 50 senatori di maggioranza e di opposizione.

Così, mentre Paolo Costa illustrava costi e benefici dell’offshore al mondo finanziario della City e dell’Unione Europea, in Italia si annunciava il “pollice verso”. «Siamo particolarmente soddisfatti – aveva sottolineato il presidente dell’Autorità portuale di Venezia – del riconoscimento che ci è stato dato, segno che la strada intrapresa è quella giusta. L’appoggio delle istituzioni europee è per noi molto importante».

Nel frattempo però a Palazzo Madama si preannunciava lo stop: «Dobbiamo recuperare i 100 milioni previsti dal progetto offshore – sottolineavano Russo e Filippi – per favorire progetti integrati che vadano a potenziare tutte le strutture logistiche e portuali già esistenti (Venezia, Trieste, Ravenna). Il consenso trasversale è la dimostrazione che non siamo di fronte ad una battaglia di campanile. Non possiamo dare il nostro assenso ad un progetto il cui fallimento farebbe male alla credibilità dell’Italia e del Veneto».

Insomma, ancora botte da orbi, con Paolo Costa che rispedisce tutto al mittente: «Abbiamo avuto una disponibilità di massima da parte degli investitori europei. Ma il senatore Russo si deve decidere: o l’offshore non funziona, e quindi non vedo perchè averne paura, oppure è “pericoloso” perchè fa concorrenza. Si decida. Mi appello ai parlamentari veneti e non, perchè questo emendamento non trovi successo come già accaduto alla Camera. Mi dispiace solo che Russo & C. non comprendano che il porto d’altura è l’unica possibilità per salvare gli scali marittimi dell’Alto Adriatico».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui