Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Il presidente degli Avvocati della Riviera ha convinto il Comune a mettere a disposizione un dipendente. Ora la parola passa al Tribunale

Quello che sembrava impossibile, adesso pare alla portata. Ieri, durante la Conferenza dei sindaci della Riviera del Brenta alla quale ha partecipato anche il neo presidente degli Avvocati della Riviera del Brenta, Stefano Marrone, si è aperto uno spiraglio sulla permanenza dell’ufficio del Giudice di pace a Dolo.

Un apporto fondamentale per sbloccare la situazione di stallo è stato dato da Marrone, che nel corso degli ultimi giorni ha pressato Provincia, Comuni della Riviera del Brenta e l’attuale presidente della Conferenza dei sindaci, Alessandro Campalto, che ha dimostrato molta sensibilità al problema convocando l’assemblea in tempi molto stretti. Trovando nel Comune di Dolo la fondamentale disponibilità a dislocare nell’ufficio un dipendente. Un passo decisivo. Infatti, senza la disponibilità da parte dei Comuni a fornire un’unità all’ufficio dolese, non vi sarebbero state speranze.

È ancora presto, però, per cantare vittoria. Infatti attualmente l’ufficio del Giudice di Pace risulta soppresso, così come deciso dal Ministero. Durante la riunione di ieri, la Conferenza dei sindaci ha approvato un documento che sarà trasmesso nei prossimi giorni al presidente del Tribunale di Venezia, Arturo Toppan, il quale dovrà quindi veicolarlo al Ministero, accompagnando il tutto con una relazione sulla necessità o meno di tenere aperto l’ufficio dolese.

Voci di corridoio parlano di un presidente favorevole al mantenimento della struttura nel caso venga trovato il personale necessario al suo funzionamento. Già con le due unità, una messa a disposizione da Stra e l’altra da Dolo, l’ufficio potrebbe funzionare. Mancherebbe una terza unità per renderlo a pieno regime: questa potrebbe arrivare dalla Provincia di Venezia. Insomma, sul Giudice di pace di Dolo si accende una luce di speranza. Alimentata anche da fatto che i fascicoli dei procedimenti sono ancora in loco.

Gianluigi Dal Corso

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui