Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Dolo. Il 2014 si chiude con un saldo negativo specie nel settore dell’Industria

Il calzaturiero tiene nonostante la crisi. Bene anche ristorazione e turismo

DOLO – Nel 2014 nel comprensorio dei 17 comuni di Riviera e Miranese sono stati persi 3100 posti di lavoro. Di questi, quasi 2400 in Riviera del Brenta e 700 nel Miranese. Ad analizzare questi dati, emersi dalle stime fatte grazie all’aiuto dei centri per l’impiego e gli uffici della Provincia, è l’assessore provinciale al Lavoro Paolino D’Anna. D’Anna parte da un dato di fatto: rispetto agli altri anni, la perdita di posti di lavoro del comprensorio dell’Asl 13 frena grazie all’attivazione di tanti impieghi a tempo determinato. Vanno però stabilizzati in tempi rapidi questi impieghi, soprattutto fra i giovani, dando continuità di reddito.

«Rispetto agli anni più neri della crisi economica iniziata nel 2007», dice D’Anna, «e dopo un 2013 in cui si è parso di aver toccato il fondo, il 2014 ha segnato a suo modo una risalita in termini occupazionali. Fra Riviera e Miranese si sono persi si, 3100 posti di lavoro, ma se ne sono creati altri 1620. Il fatto è che questi nuovi posti di lavoro sono quasi solo a tempo determinato. Sulla totalità rappresentano il 75 per cento delle assunzioni. Sono contratti che non permettono a coppie giovani e a chi ha perso l’impiego di dare continuità al reddito e mantenere la propria famiglia. Cancellano ogni progettazione nella vita».

D’Anna fa un esempio: «In tantissimi supermercati della Riviera del Brenta e del Miranese», aggiunge, «per queste vacanze natalizie si sono assunti giovani come commessi. Si tratta di contratti della durata massima di 30-40 giorni. Queste centinaia di ragazzi, saranno senza lavoro dal 7 gennaio. Sono veri posti di lavoro in queste condizioni?».

Per D’Anna, i Comuni e la futura Città Metropolitana «dovranno lavorare sul versante delle tutele crescenti, per evitare una precarizzazione assoluta del mercato del lavoro».

L’assessore provinciale fa anche la geografia dei settori e delle zone più colpite, e anche di quelle in cui le cose vanno bene. «Il tracollo occupazionale della Riviera è legato alle tante persone impiegate nel polo industriale di porto Marghera. Qui ci sono tante aziende attive nell’indotto, costrette a chiudere (soprattutto a Mira , Camponogara e Campagna Lupia). Va meglio invece il calzaturiero, che non conosce crisi, il turismo e la ristorazione. Per il Miranese il discorso è diverso. Qui la tenuta è collegata a una maggiore presenza di piccole imprese in aree industriali importanti come Santa Maria di Sala, Noale e Martellago. Imprese che stanno sul mercato da sole svincolate da Porto Marghera».

Alessandro Abbadir

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui