Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

TRASPORTI – I primi cittadini siglano il patto in treno. Chiesto l’impegno alle Ferrovie dello Stato

I sindaci Tonon e Zambon: «Servizio più veloce tra Conegliano e Vittorio già nel 2015»

I sindaci salgono sul treno diesel che collega le loro città ed esprimono un desiderio: «Un giorno viaggeremo su convogli elettrici». Mattinata di San Silvestro sulla linea Vittorio-Conegliano per i sindaci Roberto Tonon e Floriano Zambon, amici di vecchia data, che hanno viaggiato su due «Minuetti» in servizio sulla tratta Conegliano-Belluno andando dalla città del Cima a quella della Vittoria e viceversa.

Che i passeggeri sulla tratta siano in aumento non è un mistero: l’amministrazione vittoriese in particolare lo ha sottolineato a più riprese a fine anno, con dati eclatanti per la fermata di Soffratta: +50% nel 2014 rispetto all’anno precedente.

E proprio dai dati positivi sull’affluenza a bordo treno (ma il trend è positivo anche per il bus dei colli a conferma di quanto serva un efficiente trasporto pubblico tra le due città) Tonon e Zambon, che di potenziare la ferrovia avevano già discusso in estate, fanno partire il loro nuovo impegno: «Abbiamo verificato la fattibilità della proposta alle Ferrovie dello Stato per elettrificare la tratta, almeno tra le nostre città. Una novità che consentirebbe di avere benefìci in termini di salvaguardia della linea stessa e di intensificazione della frequenza dei treni: risparmi, maggiore velocità e vantaggi. Il progetto potrebbe prendere il via già nel 2015».

«Da un lato – proseguono i due sindaci, nati a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro – abbiamo riscontrato come il servizio ferroviario presenti fasce orarie del tutto sguarnite, che grazie all’elettrificazione potrebbero essere coperte. Si pensi ad esempio alla fascia centrale mattutina. Dall’altro, grazie al potenziamento tecnologico, la linea troverebbe un rilancio in termini di efficienza e rapidità, con la conseguente salvaguardia di un servizio fondamentale per l’Alta Marca e la provincia montana».

Da anni anche i pendolari vittoriesi, organizzati in comitati, spingono per potenziare la tratta. In sintesi, l’obiettivo dei due sindaci è avere più treni, meno pendolarismo su gomma e quindi meno traffico. Per viaggiare in ferrovia, però, servono pure biglietterie efficienti. E anche a San Silvestro l’unica erogatrice automatica presente nella principale stazione vittoriese forniva informazioni ma non titoli di viaggio.

Luca Anzanello

 

LA SCHEDA – Si potrà viaggiare con meno costi e abbattimento della manutenzione

CONEGLIANO – Il sistema di alimentazione a 25kV è il più utilizzato in Europa per le linee veloci ad elevata capacità di traffico. Consente di disporre della potenza necessaria a far viaggiare convogli frequenti e veloci in modo economicamente più vantaggioso rispetto ai 3kV. E contemporaneamente evita l’impiego all’interno delle sottostazioni elettriche ferroviarie di apparecchiature di conversione da corrente alternata a continua e permette potenziamenti futuri.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui