Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mirano. Gli irriducibili di via Desman.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

17

gen

2015

Quando sono scesi per la prima volta in strada, giurarono che erano disposti a manifestare anche ogni giorno fino a Pasqua.
Era il 17 novembre e molti pensavano che quel tipo di protesta potesse evaporare con le prime nebbie e con il freddo invernale.

Due mesi dopo i residenti di via Desman sono ancora in strada: sono passati sessanta giorni ma il gruppo continua a riunirsi ogni mattina per chiedere maggiore sicurezza sulla provinciale 33, quella che collega Mirano e Borgoricco attraversando Zianigo, Veternigo e Sant’Angelo.

Prima si sono rivolti ai sindaci di Mirano e Santa Maria di Sala, poi hanno scritto alla presidente della Provincia Zaccariotto e al governatore Zaia, nel mentre hanno manifestato pure davanti al municipio, in consiglio comunale e alla tappa elettorale di Alessandra Moretti come candidata del Pd alla presidenza della Regione.

Una quindicina di persone si dà sempre appuntamento alle sette e mezza del mattino, anche se le macchine sfrecciano e il gelo si fa sentire.

Pedalano indossando i giubbini catarifrangenti sul ciglio della strada, proprio per dimostrarne la pericolosità. «Alcuni automobilisti si infastidiscono, molti capiscono e ci sostengono», confida il portavoce Marino Dalle Fratte.

I residenti di via Desman non mollano e ieri hanno scritto anche ai consiglieri d’opposizione miranesi e salesi: «Vi chiediamo un coinvolgimento per affrontare questi problemi legati alla sicurezza. Per molti è difficoltoso anche solo uscire di casa».

La prima richiesta, quella di una pista ciclabile, è caduta nel vuoto: da preventivo il progetto costerebbe 3,2 milioni, un bando regionale ne poteva mettere a disposizione 1,8 ma né i Comuni né la Provincia avevano la possibilità di completare il finanziamento.

Ora si fa dunque pressante una seconda richiesta, più semplice e meno onerosa: ridurre a 60 chilometri orari il limite di velocità e prevedere controlli serrati con autovelox.

«Fino a quando non vedremo i cartelli installati e i limiti rispettati – garantisce Dalle Fratte – noi rimarremo in strada».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui