Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Mira “Villa Widmann gioiello in rovina”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

30

gen

2015

Mira, Carraro (Ascom) denuncia la pessima gestione dello splendido palazzo

MIRA «Villa Widmann è un patrimonio pubblico inutilizzato e che ora sta andando in rovina. È una villa di proprietà dell’ex Provincia, un palazzo conosciutissimo nel panorama internazionale, che le gestioni dei due ultimi presidenti provinciali, Francesca Zaccariotto e prima Davide Zoggia, hanno condotto alla chiusura».

A fare questa denuncia a nome anche dei 2500 operatori turistici della Riviera del Brenta è il vicepresidente dell’ Associazione commercianti (Ascom), Adelino Carraro.

«Ormai villa Widmann a Mira Porte», spiega, « è nel degrado più totale. Finché c’era l’Apt a gestirla in qualche modo l’erba nel parco veniva tagliata e i giri turistici venivano fatti. Anche ora ogni giorno ci sarebbero come minimo due pullman carichi di turisti pronti a fare per vedere questo gioiello architettonico che però è chiuso e non si sa nemmeno se aprirà in estate».

Carraro va giù pesante contro gli ex amministratori provinciali.

«Questi ultimi 15 anni di amministrazione della villa – dice – sono stati fallimentari. Queste persone che hanno portato alla chiusura questo bene architettonico stanno creando danni a tutti, ai commercianti, agli imprenditori e ai cittadini non facendo fruire ai turisti un bene richiestissimo».

Carraro fa un appello al Comune di Mira e alla sua giunta.

«Il Comune di Mira si deve svegliare – dice – e in tempi rapidi dal letargo in cui da qualche anno è piombato. A maggio il flusso dei turisti in arrivo in Riviera del Brenta aumenterà con l’apertura dell’Expo di Milano. Villa Widmann insieme agli altri gioielli dell’area potrebbe essere un violano per l’economia che dovrebbe dare i primi segnali di ripresa dopo 7 anni di recessione. Cosa vogliamo fare? Vogliamo perdere anche questa occasione? Si faccia presto, e si apra la villa a chi vuole visitarla».

(a.ab.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui