Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Inchiesta Mose, risarcimento ad ostacoli

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

feb

2015

In vista del patteggiamento il legale del commercialista Giordano consegna un libretto bancario con 40mila euro

Sembra più articolata del previsto la conclusione della vicenda processuale che riguarda Francesco Giordano, il commercialista padovano coinvolto nell’inchiesta sul Mose. Ieri mattina, infatti, sembrava che l’udienza per il patteggiamento per false fatturazioni potesse concludersi, ma a quanto pare il pagamento del risarcimento è più complesso di quanto si pensi. Da tempo l’avvocato Carlo Augenti, che difende il commercialista che ha uno studio a Padova e una casa a Venezia, punta ad un patteggiamento di un anno e ad un risarcimento finale sui 40mila euro.

Ieri mattina, però, si è appreso che per poter versare questa somma l’avvocato ha dovuto consegnare un libretto bancario contenente la cifra a suo tempo accordata con la Procura. Il documento contabile, dopo che è stato sequestrato dal giudice Vicinanza, dovrà poi passare ad un tutore giudiziario che sarà chiamato a gestirlo al fine di effettuare il relativo versamento finale al Fondo unico della giustizia.

«In effetti ci sono delle difficoltà ad assolvere a questo pagamento – commenta l’avvocato Augenti – perchè non è stato possibile effettuare il versamento alle Entrate, non è stato possibile compiere un bonifico e così abbiamo deciso di optare per il libretto. Su certi argomenti le complicazioni burocratiche sono tali che diventa difficile anche pagare».

Francesco Giordano era finito nell’inchiesta della Procura sulla corruzione legata al Mose soprattutto perchè rivestiva il ruolo di commercialista del Consorzio Venezia Nuova. Per questo la Guardia di finanza lo riteneva responsabile di alcune operazioni irregolari. Come consulente fiscale dell’ex presidente Mazzacurati, Giordano era accusato soprattutto in relazione ad una consulenza ritenuta fasulla, per un ammontare complessivo di 180mila euro, che l’allora presidente del Cvn attribuì all’ex segretario della Sanità veneta Giancarlo Ruscitti per occuparsi del progetto del nuovo ospedale di Padova.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui