Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Soldi per la campagna di Orsoni: nulla a carico dei 2 deputati democratici

CONSORZIO – Una diga mobile del progetto Mose a una delle bocche di porto della Laguna di Venezia, per la difesa dalle acque alte

LA VICENDA – Mazzacurati dichiarò di aver versato 550 milioni

Dall’inchiesta sul Mose emerge una sicura e diffusa situazione di illegalità che riguarda il finanziamento di tutti i partiti, di governo e opposizione, da parte dell’allora presidente del Consorzio Venezia Nuova, Giovanni Mazzacurati. Anche del Partito democratico. Ma non c’è alcuna prova che quei finanziamenti illeciti siano finiti anche ai due attuali deputati veneziani, Michele Mognato e Davide Zoggia.
È con questa motivazione che la Procura di Venezia ha chiesto ieri l’archiviazione della posizione dei due esponenti del Pd, i cui nomi erano emersi nelle indagini a carico dell’ex sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, in relazione ad un presunto finanziamento illecito di 550mila euro che Mazzacurati dice di aver versato per la campagna elettorale del 2010.

Il procuratore capo Luigi Delpino, l’aggiunto Carlo Nordio e i sostituti Paola Tonini, Stefano Ancilotto e Stefano Buccini hanno contestualmente chiuso le indagini preliminari su Orsoni, indagato per finanziamento illecito ai partiti, provvedendo al deposito degli atti (che normalmente precede una richiesta di rinvio a giudizio) e hanno già firmato la chiusura delle indagini a carico di altri 9 indagati nel filone principale dell’inchiesta, per i quali il deposito dovrebbe essere formalizzato lunedì: si tratta dell’ex presidente del Consiglio regionale ed ex europarlamentare di Forza Italia, Lia Sartori (accusata di finanziamento illecito); dell’ex presidente del Magistrato alle acque, Maria Giovanna Piva, dell’ex magistrato della Corte dei Conti, Vittorio Giuseppone, del fuzionario della Regione Veneto, Giovanni Artico, dell’imprenditore veneziano ed ex presidente dell’Ente Gondola, Nicola Falconi e dell’architetto padovano Danilo Turato (accusati di corruzione); dell’ex amministratore della Padova-Brescia, Lino Brentan (accusato di concussione per induzione), dell’ex dirigente regionale Giancarlo Ruscitti (al quale è contestato un compenso per operazioni inesistenti) e del romano Corrado Crialese, accusato di millantato credito.

Gli indagati avranno tempo 20 giorni per presentare memorie difensive o per chiedere di essere interrogati. Poi sarà la Procura a decidere se chiedere per tutti il processo.

Proseguono, invece, le indagini a carico del funzionario regionale Giuseppe Fasiol e dell’architetto Dario Lugato (accusati per corruzione), mentre la posizione di altri due indagati – Vincenzo Manganaro e Alessandro Cicero (millantato credito) è stata trasmessa a Roma per competenza.

«Auspico che si arrivi ad un dibattimento perché l’opinione pubblica ha diritto di essere informata attraverso il contradditorio pubblico su come sono andate le cose – ha dichiarato Nordio – Come cittadino vi è un giudizio di grande amarezza perché si sono ripetute le cose di 20 anni fa moltiplicate per 10, amarezza aumentata dal fatto che oltre alle forze politiche in questo caso sono stati finanziati illegalmente dei personaggi che rappresentavano delle istituzioni di controllo come la Guardia di finanza, il Magistrato alle acque e la magistratura contabile».

La notizia della richiesta di archiviazione per Mognato e Zoggia è stata commentata con soddisfazione dai loro legali, gli avvocati Marta De Manincor e Alfredo Zabeo, i quali evidenziano «la totale estraneità dei nostri difesi a tutti i fatti oggetto di indagine. Estraneità giuridica, ma anche storica e comportamentale propria di un pregresso politico che nel passato si è sempre dimostrato chiaro, trasparente e di totale lontananza da comportamenti men che corretti».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui