Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Romea, nodo sicurezza per le fermate

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

8

mar

2015

SANT’ANNA – Sopralluogo per tutelare gli utenti del trasporto pubblico

CHIOGGIA – Prime aperture per la sistemazione delle fermate dell’autobus sulla statale Romea tra Sant’Anna e Cavanella d’Adige. I residenti avevano avviato anche una raccolta firme per sensibilizzare l’amministrazione Casson. Si trovano sul ciglio della strada senza alcuna protezione né dal traffico né dal canaletto che scorre dietro. Ad avviare la raccolta firme era stato Giancarlo Boscolo Moretto, segretario del Partito socialista. Ieri, assieme a lui, hanno effettuato un sopralluogo sul posto l’assessore ai lavori pubblici Riccardo Rossi e un tecnico comunale.

«Per la prima volta qualcosa si muove – afferma Moretto – sono vent’anni che facciamo presente questa situazione a tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute. Nessuna ha mai fatto nulla. La gente rischia la vita per aspettare l’autobus a pochi centimetri dai camion e dalle auto che sfrecciano sulla statale, una delle più pericolose d’Italia. È necessario fare qualcosa prima che succeda qualche tragedia».

Il sopralluogo si è concentrato sulla fermata della corriera tra Chioggia e Sant’Anna, vicino all’incrocio con via Vecchia Romea.

«Anche l’assessore e i tecnici dei Lavori pubblici – continua Moretto – si sono resi conto che la fermata dell’autobus, così com’è, non può restare. Per questo si sono impegnati ad elaborare quanto prima un progetto di messa in sicurezza da sottoporre poi agli enti interessati, come l’Anas e il consorzio agrario. Speriamo di avere buone notizie nelle prossime settimane».

Dopo tanti anni i residenti delle frazioni si aspettano un intervento rapido, ma il fatto che sulla questione siano coinvolti più enti non facilita di sicuro l’iter burocratico.

(m.bio.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui