Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Scandalo Mose. Dibattito al Rotary.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

14

mar

2015

Scandalo Mose, era evitabile che tutto accadesse di nuovo 20 anni dopo Tangentopoli? Una domanda questa a cui si è cercato di dare risposta con una vivace discussione nell’ultima conviviale del Rotary Venezia-Mestre che ha ospitato il giornalista Maurizio Dianese autore, assieme ai colleghi del Gazzettino Monica Andolfatto e Gianluca Amadori, del libro «Mose. La retata storica».

Ospite della serata anche il direttore del Gazzettino Roberto Papetti che per primo, sollecitato dalle domande del presidente del Rotary Mario Berengo e dei soci, ha offerto un’analisi del messaggio che cerca di lasciare al lettore il libro dei suoi tre giornalisti.

«Il valore di questo lavoro sta proprio nel suscitare alcune domande sui perché tutto questo è avvenuto – ha detto Papetti – Siamo distanti anni luce da quello che fu lo scandalo Enimont in fatto di cifre. Ma il punto focale da capire è perché sia successo in questo territorio e perché Venezia e Mestre in questi due decenni, ma forse anche prima, abbiamo accettato una logica redistributiva insita nella Legge Speciale. Tanto denaro che è andato a premiare non i migliori ma i più bravi redistributori di denaro, con la complicità, purtroppo, anche di buona parte della classe dirigente politica».

«Il Mose è un esempio di società che si lascia corrompere e che si concretizza con il cambio ai vertici della Procura di Venezia e con l’affidamento delle indagini a dei magistrati che prima si erano occupati di criminalità organizzata – ha aggiunto Dianese – Se qualcosa, però, non cambierà a livello legislativo, le finissime menti criminali che hanno agito ieri e anche oggi, agiranno di nuovo allo stesso modo anche fra 10 anni. E di libri e di pagine sui giornali ne scriveremo di nuovo e, di fatto, sarà come se non fosse mai successo nulla».

(r.ros.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui