Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

TREVISO – Per Italia Nostra il quarto lotto della tangenziale è, sostanzialmente, inutile. E lo ribadisce il presidente Romeo Scarpa che, invece, invita a utilizzare maggiormente le strade esistenti prima di pensare a realizzarne altre. Un concetto sostenuto anche dai dati raccolti nella prima giornata di monitoraggio del traffico. I volontari di Italia Nostra hanno fatto un’operazione molto semplice: per dodici ore hanno contato auto e camion di passaggio davanti al distributore posto ai piedi del cavalcavia di San Giuseppe, quartiere che vede nel quarto lotto della tangenziale una soluzione a parte dei suoi problemi si traffico. Fatti due conti, è risultato che mediamente ogni ora sul cavalcavia passano 912,2 auto e 82 camion in direzione San Giuseppe e 930,3 auto e 81 camion in direzione opposta. Una media bassa.

Scarpa, calcolando limite di velocità e la distanza di sicurezza tra i vari veicoli, ipotizza che una strada di quel tipo possa arrivare a sostenere un traffico di 2000 veicoli l’ora.

E quindi fa alcune osservazioni: «La prima considerazione che possiamo fare è che è necessario fare altri campionamenti mirati – precisa –

La seconda è che, nelle due sezioni il traffico è all’incirca al 50% delle potenzialità massime teoriche medie della strada, cioè stiamo “sottoutilizzando” questa sezione stradale, che è pur sempre un’arteria principale di accesso/uscita di Treviso.

La terza è che la crisi economica si vede dal fatto che i mezzi pesanti sono al di sotto del 10% del totale.

La quarta considerazione è che questo primo monitoraggio dà numeri medi ben lontani dai 1300 mezzi all’ora, che ogni tanto qualcuno dichiara come dati medi».

(pcal)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui