Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Citta’ metropolitana, “fuga” possibile

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

mar

2015

SENTENZA –  Zaia: «La Corte Costituzionale consentirà ai Comuni di uscire dal nuovo ente provinciale»

Riconosciuta la possibilità di eleggere il sindaco: «Ma il primo tocca al capoluogo»

Tutti dentro alla Città metropolitana, ma con la possibilità anche di uscirne. E se il primo sindaco metropolitano sarà giocoforza quello del capoluogo, non è escluso che i successivi possano essere scelti per elezione diretta. Insomma, se la sentenza n.50 della Corte Costituzionale, depositata giovedì, ha bocciato il ricorso presentato da Regione Veneto, Puglia, Campania e Lombardia, dall’altro canto la Consulta apre spiragli per i quali molti Comuni della provincia si stanno battendo ormai da anni per far sentire la propria voce nei confronti di Venezia.

«Nello sconcerto, rimane la certezza che i ricorsi quindi sono stati tutt’altro che inutili – commenta il governatore Luca Zaia -. La Corte costituzionale è stata costretta ad affermare una regola che la legge 56 del 2014 non prevedeva, ovvero ha dovuto aggiungere che dalla Città metropolitana i Comuni potranno uscire. Così ad esempio Chioggia, Dolo o altri Comuni potranno lasciare Venezia e questo, in ogni caso, perlomeno aumenterà il loro potere negoziale nella definizione dello statuto della Città metropolitana». Cose da far tirare un sospiro di sollievo a sindaci come Mestriner di Scorzé o a Sensini di Fossalta di Piave, fortemente scettici sulla Città metropolitana, ma non solo a loro. “Se possono aderirvi i Comuni delle province limitrofe – scrive la Consulta – ciò per implicito comporta anche la speculare facoltà di uscirne da parte dei Comuni della provincia omonima”.

Ma la Corte Costituzionale sottolinea anche che le Città metropolitane sono destinate a subentrare integralmente alle omonime Province esistenti e, in merito alla figura del sindaco metropolitano, “per un verso, la sua individuazione nel sindaco del Comune capoluogo di provincia non è irragionevole in fase di prima attuazione del nuovo ente territoriale, attesi il particolare ruolo e l’importanza del Comune capoluogo”. Una nomina, precisano ancora i giudici costituzionali “che non è comunque irreversibile, restando demandato allo statuto della Città di optare per l’elezione diretta del proprio sindaco”. Statuto che per quanto riguarda Venezia è attualmente in discussione da parte dei sindaci (senza fare però ancora i conti con “l’oste” veneziano, visto il commissariamento di Ca’ Farsetti), mentre otto su dieci delle istituite Città metropolitane sono già nell’esercizio delle loro funzioni, e gli statuti di sei di queste sono già stati approvati il 31 dicembre scorso.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui