Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Martellago. L’Ugl contro la Cav: la mobilitazione è programmata per mercoledì

Nel mirino l’organico ridotto all’osso e il contratto integrativo scaduto da un anno

MARTELLAGO – Il casello di Martellago-Scorzè lungo il Passante si aprirà all’insegna della protesta. L’Unione generale del lavoro (Ugl) del settore viabilità e logistica ha indetto uno sciopero proprio per mercoledì per chiedere a Cav convocare in fretta una riunione e rimpinguare l’organico.

Di fatto l’organizzazione sindacale pretende che nelle stazioni lungo l’autostrada ci sia l’uomo mancante. Da più di un anno è scaduto il contratto integrativo ma a oggi, fa presente l’Ugl, non ci sono novità all’orizzonte. E da più di venti giorni Cav e sindacati non si vedono.

«Di fronte alle nostre richieste», si legge in una nota di Ugl, «l’azienda fa orecchie da marcante continuando così a prendere decisioni unilateralmente, vedi le ultime quattro assunzioni a tempo parziale. Lungi da noi essere contrari a nuove assunzioni, anzi vorremmo che ne venissero fatte molte di più. Ma che dire di quei part-time che da più di cinque anni sono ancora fermi al contratto di partenza? Perché l’azienda non accoglie la nostra richiesta di far fare un passo in avanti a tutti i part-time già in essere, migliorandone così la qualità della vita e conseguentemente alleviando le molteplici tensioni stratificatisi nel tempo?».

Il sindacato chiede di completare l’organico al casello di Spinea, dove ci sono otto persone, di cui cinque a tempo pieno e tre part-time. Ne mancherebbero altre due, uno da aggiungere ai primi e l’altro ai secondi. Con l’apertura di Martellago-Scorzè, per il sindacato la situazione rischia di peggiorare.

«Ora la copertura avviene con le trasferte», continua, «con dispendio di risorse economiche. Anche per il futuro Cav è intenzionata a proseguire con trasferte o a completare il organico?». Ugl spiega che se la trattativa non sarà aperta quando prima, le iniziative proseguiranno. Intanto si parte con il 1 di aprile.

«Il 16 marzo scorso», continua la nota Ugl, «abbiamo chiesto un incontro con carattere di procedura di raffreddamento ma ormai i termini per la convocazione sono scaduti. Lunedì 23 abbiamo chiesto un incontro per capire quali sono le intenzioni dell’azienda che pretende di spostare personale da Preganziol a Martellago, ma quei posti a Preganziol da chi verranno poi occupati? E gli esattori mancanti (come ad esempio a Spinea) quando li rimpiazzerete?». Il taglio del nastro del casello è previsto alle 12.

Alessandro Ragazzo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui