Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Correzione di rotta sulle grandi opere ritenute prioritarie. Addio al piano faraonico da 285 miliardi per oltre 400 interventi: nel capitolo “infrastrutture” del Def in preparazione il governo riduce a 49 il numero di opere da portare a compimento per un valore complessivo di 80 miliardi. Sul Sole 24 Ore in edicola i dettagli del piano del governo che fa già le prime illustri vittime: la Orte-Mestre e l’autostrada tirrenica Orte-Civitavecchia.

Piano di ricerca, il bilancio europeo

L’Italia dal 2007 ha regalato almeno 300 milioni all’anno agli altri Paesi europei per fare ricerca al posto nostro. Offrendo così ai nostri vicini occasioni di crescita e più competitività. E dall’anno scorso questa cifra rischia di raddoppiare. La colpa è delle nostre performance nella conquista dei fondi che l’Europa mette in palio ogni anno per la ricerca: troppi progetti bocciati rispetto ai tanti presentati e così sui 41,5 miliardi che sono stati messi sul piatto da Bruxelles dal settimo programma quadro della ricerca in 7 anni e finanziati anche con le nostre casse il nostro Paese ha conquistato 3,457 miliardi, l’8,3% di tutta la torta. Poco se consideriamo che l’Italia contribuisce al bilancio Ue con una quota più sostanziosa, che supera il 13 per cento dei fondi complessivi (siamo i terzi finanziatori assoluti). All’appello mancano dunque almeno 2 di miliardi. Sul Sole 24 Ore verrà analizzato il bilancio del piano di ricerca europeo.

Piano di ricerca, il bilancio europeo

L’Italia dal 2007 ha regalato almeno 300 milioni all’anno agli altri Paesi europei per fare ricerca al posto nostro. Offrendo così ai nostri vicini occasioni di crescita e più competitività. E dall’anno scorso questa cifra rischia di raddoppiare. La colpa è delle nostre performance nella conquista dei fondi che l’Europa mette in palio ogni anno per la ricerca: troppi progetti bocciati rispetto ai tanti presentati e così sui 41,5 miliardi che sono stati messi sul piatto da Bruxelles dal settimo programma quadro della ricerca in 7 anni e finanziati anche con le nostre casse il nostro Paese ha conquistato 3,457 miliardi, l’8,3% di tutta la torta. Poco se consideriamo che l’Italia contribuisce al bilancio Ue con una quota più sostanziosa, che supera il 13 per cento dei fondi complessivi (siamo i terzi finanziatori assoluti). All’appello mancano dunque almeno 2 di miliardi. Sul Sole 24 Ore verrà analizzato il bilancio del piano di ricerca europeo.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui