Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Stra. Labirinto chiuso, polemica aperta.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

apr

2015

STRA – Nel week-end pasquale oltre 20mila turisti in Riviera, ma con proteste alla villa Reale

La direzione: «Siamo costretti a farlo per difenderlo dall’assalto della folla»

SALVAGUARDIA «I bambini e i ragazzi scavalcano le siepi – spiega la direzione della Pisani – abbiamo il dovere di tulelare il labirinto».

Nel corso del week-end pasquale oltre 20.000 turisti, hanno invaso Stra, considerata “la Porta d’Oro” della Riviera del Brenta, per ammirare le magnifiche Ville e le altre attrazioni. Peccato che una queste, il famoso labirinto della Pisani, si stato chiuso: i turisti non hanno fatto gradito.

Folla a Villa Pisani, con il letto di Napoleone, l’altare sansoviniano, l’affresco del Tiepolo, la mostra “Italiani a tavola 1860-1960″ e il parco; e a Villa Foscarini-Rossi con le splendide architetture e la mostra di calzature di tutti i tempi.

Molta gente a Villa Cappello, dove soggiornarono Marconi, Mussolini e Soraya, a Villa Barbariga famosa per i suoi stucchi; alla RubensLuciano dove visse il doge Gritti e soggiornò Fogazzaro, a Palazzo Loredan e a Villa Bembo Malipiero, la più antica della Riviera, che ospitò anche Lucrezia Borgia.

La parte del leone l’ha recitata, ovviamente, la Reale dove il book-shop ha staccato circa 10mila biglietti. Ma qui, come accennato, i visitatori non hanno potuto “perdersi” nel celeberrimo labirinto.

«Abbiamo agito per la sua salvaguardia – spiega il direttore Giuseppe Rallo – Infatti, quando i turisti sono tanti, non può essere difeso come merita. I bambini e i ragazzi, in particolare, non esitano a scavalcare o – peggio – attraversare le siepi e il bosso si rovina. La decisione, sofferta, è stata presa alcuni anni fa quando è stato stabilito di sostituire spettacoli con artisti internazionali (Bob Dylan e Paolo Conte per fare due nomi) che richiamavano tantissimo pubblico, con mostre ’statatiche’, che peraltro hanno riscosso e stanno riscuotendo buon successo. Ci dispiace, ma è una misura di tutela».

Grazie a un sole splendente, anche ieri, ressa in riva al Brenta con pic-nic e giochi. Va infine registrata una notevole affluenza in ristoranti, trattorie e pizzerie, compreso il piccolo ma “appetitoso” ristorantino-bar, che si trova a ridosso delle scuderie della Reale.

Silvano Bressanin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui