Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Stra. Labirinto chiuso, polemica aperta.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

apr

2015

STRA – Nel week-end pasquale oltre 20mila turisti in Riviera, ma con proteste alla villa Reale

La direzione: «Siamo costretti a farlo per difenderlo dall’assalto della folla»

SALVAGUARDIA «I bambini e i ragazzi scavalcano le siepi – spiega la direzione della Pisani – abbiamo il dovere di tulelare il labirinto».

Nel corso del week-end pasquale oltre 20.000 turisti, hanno invaso Stra, considerata “la Porta d’Oro” della Riviera del Brenta, per ammirare le magnifiche Ville e le altre attrazioni. Peccato che una queste, il famoso labirinto della Pisani, si stato chiuso: i turisti non hanno fatto gradito.

Folla a Villa Pisani, con il letto di Napoleone, l’altare sansoviniano, l’affresco del Tiepolo, la mostra “Italiani a tavola 1860-1960″ e il parco; e a Villa Foscarini-Rossi con le splendide architetture e la mostra di calzature di tutti i tempi.

Molta gente a Villa Cappello, dove soggiornarono Marconi, Mussolini e Soraya, a Villa Barbariga famosa per i suoi stucchi; alla RubensLuciano dove visse il doge Gritti e soggiornò Fogazzaro, a Palazzo Loredan e a Villa Bembo Malipiero, la più antica della Riviera, che ospitò anche Lucrezia Borgia.

La parte del leone l’ha recitata, ovviamente, la Reale dove il book-shop ha staccato circa 10mila biglietti. Ma qui, come accennato, i visitatori non hanno potuto “perdersi” nel celeberrimo labirinto.

«Abbiamo agito per la sua salvaguardia – spiega il direttore Giuseppe Rallo – Infatti, quando i turisti sono tanti, non può essere difeso come merita. I bambini e i ragazzi, in particolare, non esitano a scavalcare o – peggio – attraversare le siepi e il bosso si rovina. La decisione, sofferta, è stata presa alcuni anni fa quando è stato stabilito di sostituire spettacoli con artisti internazionali (Bob Dylan e Paolo Conte per fare due nomi) che richiamavano tantissimo pubblico, con mostre ’statatiche’, che peraltro hanno riscosso e stanno riscuotendo buon successo. Ci dispiace, ma è una misura di tutela».

Grazie a un sole splendente, anche ieri, ressa in riva al Brenta con pic-nic e giochi. Va infine registrata una notevole affluenza in ristoranti, trattorie e pizzerie, compreso il piccolo ma “appetitoso” ristorantino-bar, che si trova a ridosso delle scuderie della Reale.

Silvano Bressanin

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui