Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mestre. Don Torta con i lavoratori di Auchan

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

mag

2015

COMMERCIO IN CRISI – Il parroco di Dese: «Gli esuberi? Un delitto annunciato»

Anche don Enrico Torta con i lavoratori di Auchan. Il parroco di Dese, da tempo in prima linea contro le aperture domenicali dei centri commerciali tanto da essere ricevuto un anno fa in Vaticano dal segretario di Stato, il cardinale Pietro Parolin, parla dei licenziamenti annunciati dalla catena francese come di un “delitto annunciato”.

Sabato mattina il presidio in via Don Tosatto inizierà alle 9, lo sciopero di otto ore (per ogni turno) dalle 3 e mezza di mattina, quando arrivano i primi dipendenti. Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno comunicato ieri le modalità della manifestazione collegata allo sciopero nazionale contro i 1.426 licenziamenti annunciati da Auchan, 65 nella sola sede di Mestre.

«Ciò che sta innescando il supermercato Auchan in tutta Italia è un delitto annunciato – sostiene don Torta -. Fuori le persone chiamate “esuberi”: non ci interessate più. Siamo divenuti un piccolo bicchiere di plastica: prima ti uso e poi ti getto. In tutte le aziende, soprattutto in questa crisi così dirompente, bisogna accettare e mettere in conto i momenti difficili, come abbiamo accumulato nei momenti facili. Io spero tanto che i lavoratori della grande distribuzione si ribellino, tutti insieme, a questa logica rendendosi conto della gravità di ciò che sta accadendo. Il lavoro e la vita di ogni uomo sono sacri – conclude il parroco di Dese -, e non sono vendibili all’idolo del denaro».

Intanto, a Roma, il deputato del Pd, Andrea Martella ha presentato un’interrogazione ai ministri del Lavoro e dello Sviluppo Economico per chiedere un intervento per scongiurare gli annunciati tagli del personale e salvaguardare i livelli occupazionali, «in particolare del centro commerciale di Mestre dove – scrive Martella -, secondo le organizzazioni sindacali non vi sarebbero le ragioni di un così rilevante intervento sul personale».

(f.fen.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui