Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO «Forse non era il caso di cantar vittoria troppo presto né di attribuirsi meriti particolari. La Orte-Mestre non è stata tolta dal Def per un improvviso rinsavimento del governo Renzi, ma solo per ragioni contabili».

A dirlo è Giorgio Gei, consigliere comunale d’opposizione e candidato sindaco della lista “Il Ponte del Dolo”, che si sofferma sul tema della Romea Commerciale.

«La conferma si è avuta con il voto alla Camera sulle mozioni di Sel e Movimento 5 Stelle», prosegue Gei, «che chiedevano la derubricazione della Orte-Mestre e che hanno visto votare in difesa del progetto Pd, Ncd, Fi e Lega, con i deputati veneti del Pd in prima fila. L’autostrada rimane in corsa, è solo ferma ai box in attesa di tempi migliori. Non si può pertanto abbassare la guardia».

Il gruppo de “Il Ponte del Dolo” si schiera a fianco di “Opzione Zero”.

«Condividiamo la posizione di Opzione Zero, il voto smorza gli entusiasmi di qualche giorno fa. Il voto compatto dei deputati Pd veneti e veneziani provoca forte preoccupazione».

(g.pir.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui