Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nonostante le pressioni degli interessi speculativi, gli opportunismi politici e l’assurdità delle procedure amministrative; nonostante il trito richiamo per le allodole su presunti posti di lavoro e sul falso mito dello sviluppo, il cosiddetto “progetto Barcon” di Vedelago non è passato.

L’affollata seduta del consiglio comunale di Vedelago di lunedì sera, assediata all’esterno da comitati, associazioni e cittadini contrari, ha visto l’affossamento del mega-insediamento industriale di 500.000mq ancora agricoli, che doveva comprendere il macello più grande d’Europa, una cartiera e un casello autostradale, giusto per dimostrare l’utilità pubblica! Opzione Zero era presente a sostegno dei valori che ci vedono contro V.C., contro il consumo speculativo di suolo, in difesa dei beni comuni e nel rispetto di quella necessaria pratica di mutuo soccorso e cooperazione con le realtà che condividono sorti simili a quelle della Riviera del Brenta.

Inevitabile, infatti, il parallelo con il “caso” Veneto City: stessi slogan promozionali, stessa procedura di Accordo di Programma, stessi ricatti e stesse minacce per la sopravvivenza dei beni comuni e della salute dei cittadini. E anche lo stesso teatrino, che ha visto i posti disponibili della Sala Consiliare occupati per tempo dalla claque “a favore”. Nel caso di Barcon ha certamente influito il “disorientamento” dell’asse PdL-Lega che nell’ultimo anno si è scompaginato, ma… paese che vai, leghista che trovi… e il fuoco incrociato di chi ha ancora un barlume di buon senso politico, di chi ha il coraggio di dissociarsi da scelte scellerate e della sempre più potente voce della società civile hanno giocato un ruolo fondamentale. Quando l’asservimento alle logiche clientelari politiche e lobbistiche e l’incompetenza amministrativa nel governo reale del territorio prevalgono, assistiamo alle più basse nefandezze. Veneto City è un chiaro esempio di come la debolezza della politica locale, incapace di assumersi la responsabilità e il diritto/dovere di esercitare il proprio potere a beneficio dei cittadini e incurante delle loro istanze democratiche, conduca alle più temibili devastazioni. Ma la società civile è sempre più vigile, sempre più esasperata e sempre più capace di alzare la voce e spostare gli equilibri di una politica inadeguata e distante.

E anche se la Regione Veneto inventa strumenti sempre più arroganti per spianare la strada alla speculazione e agli interessi privati – come l’ultimo DDL commercio del 2 ottobre che spalanca le porte ad altri centri commerciali – questi mostri si possono e si devono fermare: in Veneto siamo al collasso, non possiamo più permetterci di consumare territorio, mettendo a rischio sicurezza, salute e quel poco di economie locali che restano. L’esempio di Barcon parla a tutti noi: dobbiamo e possiamo dire BASTA!

 

Barcon di Vedelago: Appello alla partecipazione

Posted by Opzione Zero in Comunicati Stampa | 1 Comment

8

ott

2012

Invitiamo tutti gli attivisti e simpatizzanti a partecipare al presidio di stasera davanti al Comune di Vedelago a sostegno degli oppositori al mega insediamento di Barcon: Fondazione Villa Emo, Comitato Barcon Viva e Primavera Civica, oltre ai dissidenti di maggioranza PdL-Lega.

L’appuntamento è per stasera LUNEDI’ 8 OTTOBRE 2012 alle ore 20.30

Il “progetto Barcon” è un mostruoso insediamento agro-industriale di 80 ettari (circa 4 volte Veneto City!!!) nella frazione di Barcon di Vedelago che vede, tra l’altro, l’agghiacciante progetto di un mega-macello, un casello autostradale e di una cartiera (nel nostro sito c’è tutta la rassegna stampa a riguardo). Il tutto sta procedendo col famigerato Accordo di Programma (come per V.C.) ma la maggioranza PdL/Lega del Comune si è spaccata e stasera c’è il consiglio comunale di ratifica. Il presidio pacifico e testimoniale davanti al Comune serve a fare pressione affinché non firmino l’A.d.P.

La presenza di Opzione Zero si inserisce in un contesto ampio di coerenza e rispetto dei valori che ci vedono combattere contro V.C., contro il consumo speculativo di suolo e in difesa dei beni comuni. L’adesione a tali valori deve vederci operare in condizioni di mutuo soccorso con le realtà che condividono sorti simili alle nostre, in virtù dello spirito di unione e cooperazione che ci anima.

Grazie a chiunque riuscirà ad esserci.

 

25/09/12 – Che settimane !!!

Posted by Opzione Zero in Comunicati Stampa | 0 Comments

25

set

2012

Ciao a tutt@,

eccoci a fare un po’ il punto della situazione…

Certo che riemergere dalla quantità di attività e dallo straordinario impegno degli ultimi quindici giorni, non è facile! Ma siamo sani, salvi e più che mai galvanizzati.

Vogliamo innanzi tutto ringraziare tutte le persone, i comitati, le associazioni e i movimenti che si sono resi attivi e partecipi e che non solo hanno reso possibile tutto quello che è successo, ma si sono spesi per un risultato a dir poco fantastico! Grazie davvero di cuore a tutt@.
Continua …

E’ arrivata ieri sera a Lova, presso la Fattoria Didattica “La Vaccheria”, la “Compagnia dei Cammini”, un gruppo di viaggiatori lenti che, partiti a piedi da Ferrara assieme ai loro asini, fanno sosta qui prima di percorrere la penultima tappa che li porterà a Mira. La loro meta finale è Venezia per la giornata di apertura della 3^ Conferenza Internazionale sulla Decrescita (19-23 settembre) al grido di “Arriveremo a San Marco con un raglio grande come il mondo!”.

Opzione Zero ha collaborato con il Circolo di Legambiente di Piove di Sacco (PD), L’Arca di Noè, e con i referenti della CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) per dare il benvenuto all’eterogeneo gruppo di camminatori e contribuire alla buona riuscita di questa iniziativa. L’intento è quello di far interagire buone teorie e buone pratiche, persone impegnate sul versate «accademico» e attivisti impegnati nei movimenti di cittadinanza attiva.

Continua …

COMUNICATO STAMPA

In bicicletta verso “Venezia 2012 – 3^ Conferenza internazionale della Decrescita” (www.venezia2012.it) in programma dal 19 al 23 settembre.

Domenica 16 settembre 2012 i comitati, le associazioni, i movimenti e i cittadini del Veneto, impegnati nella difesa dell’ambiente e dei beni comuni, si ritrovano in Riviera del Brenta, a Mira (VE), ore 11.00 davanti al Mirasole per pedalare festosamente insieme al gruppo di eco-ciclo-attivisti Ecotopia Biketour partiti da Barcellona il 7 luglio scorso e diretti a Venezia, sede del grande evento sulla Decrescita.

Opzione Zero parteciperà alla gioiosa e colorata pedalata, il cui significato è quello di ribadire il NO alle Grandi Opere e il diritto alla qualità della vita che si esprime con scelte sostenibili, democratiche e responsabili.
Continua …

Conferenza Stampa – Tera Tera Tera Decrescendo in Riviera

Posted by Opzione Zero in Comunicati Stampa | 0 Comments

7

set

2012

TERA TERA TERA DECRESCENDO IN RIVIERA 15-16 settembre 2012

una iniziativa promossa da: MOVIMENTO MIRA2030, OPZIONE ZERO, COOPERATIVA PRIMAVERA.

La CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE dell’evento sarà

SABATO 8  SETTEMBRE ORE 11.30 FORTE POERIO – ORIAGO DI MIRA

IL 15 E 16 SETTEMBRE a Forte Poerio si terrà TERA TERA TERA DECRESCENDO IN RIVIERA, una due giorni di festa promossa da MOVIMENTO MIRA2030, OPZIONE ZERO, COOPERATIVA PRIMAVERA, con il patrocinio del Comune di Mira.
Continua …

COMUNICATO STAMPA

Per Mira Fuori del Comune il dibattito sulla città metropolitana è fuori centro: il problema infatti non è scegliere tra Venezia o Padova, ma quello di difendere la Democrazia e l’autonomia degli Enti Locali.

Continua …

COMUNICATO STAMPA

Sulla questione dei rifiuti Mira Fuori del Comune ha le idee chiare: Mira può e deve fare come Ponte nelle Alpi, dove con l’introduzione del “porta a porta” in tutto il territorio, una forte sensibilizzazione dei cittadini e l’avvio di progetti concreti sul fronte della riduzione dei rifiuti, si è arrivati a superare la soglia del 90% di differenziata (primi in Europa), riducendo considerevolmente i costi per la collettività e aumentando pure i posti di lavoro nel settore.

Questi sono gli obiettivi che dovrebbe darsi la nuova amministrazione, così come del resto prevede il programma elettorale del Movimento 5 Stelle.

Optare per il sistema a calotta come suggeriscono i vertici di Veritas e il PD sarebbe invece un errore imperdonabile, perché in realtà questo metodo di raccolta è finalizzato solamente ad ottenere una frazione secca migliore da bruciare poi nei cosiddetti termovalorizzatori, ovvero gli inceneritori di nuova generazione, magari gestiti dalla stessa società Veritas Spa.

Continua …

C.S.Op.Zero 31-08-12 – Rete NO-AR diventa OpzioneZero.

Posted by Opzione Zero in Comunicati Stampa | 0 Comments

31

ago

2012
Logo

COMUNICATO STAMPA

Questo da oggi è il nuovo nome del nostro comitato, uno dei maggiori propulsori di CAT, coordinamento di comitati, ciascuno con la propria autonomia e specificità. Sul territorio è il più numeroso e attivo e raccoglie attivisti da tutta la Riviera del Brenta e oltre. Il percorso di Rete NO-AR – No Autostrada Romea è iniziato nel 2004 su questa specifica vertenza, ma in questi anni ha saputo “smuovere” molto sia nel territorio rivierasco sia in ambito regionale che nazionale: l’esperienza di Mira Fuori del Comune, il grande contributo per i referendum su acqua e nucleare, la costruzione di un coordinamento nazionale contro l’autostrada (la rete Stop Or-Me), oltre a un lavoro costante per costruire relazioni stabili e significative con le realtà del Veneto che si battono per la difesa del territorio e dei beni comuni

Continua …

COMUNICATO STAMPA

Il Governo Monti ed i partiti che lo sostengono hanno operato una MODIFICA COSTITUZIONALE utilizzando illecitamente un Decreto Legge di natura economica approvato dal Parlamento con l’ennesimo voto di fiducia.

Vengono soppresse province, create città metropolitane, governate non da eletti, ma da cooptati, senza dare ai cittadini la possibilità di esprimersi con il voto.

Continua …

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui