Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Sabato 18 febbraio – Spolveriamoci dallo smog e dalle grandi opere

Posted by Opzione Zero in News | 0 Comments

15

feb

2017

 

 

flashsmog

SPOLVERIAMOCI DALLO SMOG E DALLE GRANDI OPERE

L’aria che respiriamo è sempre più inquinata dallo smog

Tumori, patologie respiratorie e cardiache sono in continuo aumento a causa dell’inquinamento. I più esposti sono bambini e anziani!

Le azioni messe in campo dalle istituzioni sono del tutto insufficienti, la politica si affida alla danza della pioggia…

Invece combattere lo smog si può e si deve e tutti devono fare la loro parte:

noi cittadini cambiando i nostri stili di vita (usa meno l’auto e abbassa il riscaldamento), i Sindaci, la Regione e il Governo investendo su azioni concrete e coraggiose.

 

DIFENDIAMO AMBIENTE E SALUTE

SABATO 18 FEBBRAIO

PRIMA GIORNATA DI MOBILITAZIONE METROPOLITANA

 

RIVIERA DEL BRENTA

FLASHSMOG IN BICICLETTA

ORE 10 PIAZZA MUNICIPIO MIRA

 

(altre iniziative a Spinea, Mirano, Noale, Marghera)

 

—————————————————————————————————————————

 

CAMBIAMO ARIA

Dalla gronda lagunare alla Riviera del Brenta al Miranese, come oltre il 90% della popolazione in Europa, respiriamo aria avvelenata da smog. Senza distinzione tra aree urbane e metropolitane PM10, PM 2,5, NO X e tanti altri composti cancerogeni attaccano la nostra salute determinando un’emergenza sanitaria con cifre da brivido quasi mezzo milione di morti in Europa ogni anno, 90.000 in Italia.

Il nostro territorio contribuisce in modo importante a riempire di polveri sottili il catino infernale della pianura padana per le molteplici fonti di inquinamento concentrate in un area ristretta : centrali elettriche, impianti industriali, porto, cementificazione ed eccessivo sviluppo di strade e autostrade. Paghiamo il prezzo di un sistema economico sbagliato attento ai profitti ma non alla vita delle persone. Liberare le nostre città e i nostri paesi dallo smog è possibile, ma è necessario agire  fin da subito e su più livelli.

Intanto con provvedimenti di carattere emergenziale per contenere i livelli di polveri sottili tarati sulle caratteristiche di ciascun territorio: dal lavaggio strade alla riorganizzazione dei flussi di traffico urbano e sulle grandi arterie stradali (es. Tangenziale, Romea), attivazione di tariffe agevolate nei trasporti pubblici, uso di combustibili meno inquinanti nei mezzi navali, sistemi di allertamento e  informazione della popolazione, indagine epidemiologica e molto altro ancora.

Ma poi soprattutto con investimenti e azioni strutturali nel campo della mobilità sostenibile, della  riqualificazione energetica degli edifici pubblici e privati, della   riconversione industriale ed energetica, dei rifiuti e dell’ambiente. Azioni decisive per mettere al sicuro la nostra salute ma che Governo, Regione, Città Metropolitana, Sindaci non stanno mettendo in atto.

Il fallimento del Piano di Risanamento dell’aria della Regione del Veneto è evidente: misure blande, insufficienti,  non coordinate che hanno lasciato e lasciano ogni anno migliaia di persone esposte per mesi a livelli altissimi di Pm 10. Sì continuano a sperperare centinaia di milioni di euro in grandi opere inutili e dannose come Pedemontana o MOSE, mentre per il trasporto pubblico locale, sempre più scadente, rimangono solo le briciole; irrisori gli stanziamenti anche per la riqualificazione del territorio e per l’efficientamento energetico.

Nessun controllo sui blocchi di traffico, né tanto meno sulle altre misure previste dalle ordinanze dei Sindaci, l’unica risposta che viene dalla politica è la “danza della pioggia”.
In questo vuoto di strategia e di azione delle istituzioni pensiamo che la mobilitazione in prima persona dei cittadini in difesa della salute e del territorio sia un passaggio importante per imporre a chi ha gli strumenti e le risorse di intervenire. La sensibilità dimostrata in questo periodo da molti cittadini che si sono già attivati con flash mob nei propri paesi e città può essere la base per costruire un appuntamento unificante di tutti i comitati,  un momento di sensibilizzazione e di protesta, ma anche una giornata per rilanciare tante proposte puntuali e concrete da sostenere tutti insieme.

 

GIORNATE DI MOBILITAZIONE METROPOLITANA/REGIONALE
FLASHSMOG PRIMA LA SALUTE
SABATO 18 FEBBRAIO E SABATO 4 MARZO 2017

 

 

 

 

albarea_venetocity_dolo_passante

Comunicato Stampa Opzione Zero 25-10-2016

Casello di Albarea: il Sindaco di Pianiga è un recidivo

 

Il Sindaco di Pianiga Massimo Calzavara, al di là delle dichiarazioni buone per le campagne elettorali, continua nei fatti a promuovere le grandi opere. Ora ripropone il casello di Albarea come soluzione ai problemi di traffico della Riviera del Brenta. Per farlo cerca pure alleanze con le altre Amministrazioni: sembra infatti che proprio in questi giorni il primo cittadino di Pianiga abbia richiesto alla Conferenza dei Sindaci di scrivere una lettera unitaria al Presidente della Regione Veneto, il leghista Luca Zaia, e alla società CAV SpA per riattivare le procedure di approvazione del progetto di nuovo casello autostradale in località Albarea.

Questa opera faceva il paio con quello a nord di Scorzè, ed era stata voluta dal Commissario straordinario Silvano Vernizzi come opera complementare del Passante nel 2009. Nel 2011 la Commissione V.I.A. con parere n. 724, aveva dato il suo benestare ma con numerose e tali prescrizioni da indurre di fatto una profonda revisione della proposta. Successivamente, mentre il casello di Scorzè-Martellago è stato portato a compimento, quello di Albarea si è arenato. E non per caso: perché infatti come denunciato fin dal 2008 dai comitati, il nuovo casello di Albarea, apparentemente opera secondaria rispetto alle altre infrastrutture e ai progetti di cementificazione pianificate in Riviera del Brenta dalle Giunte venete guidate da Galan, Chisso e Zaia, in realtà era stato pensato come vera e propria porta di accesso a ovest di Veneto City, e come alternativa al mancato arretramento della barriera a Roncoduro per lasciare spazio all’innesto dell’autostrada Orte-Mestre a Roncoduro.

Questo disegno perverso è stato poi bloccato dalla forte opposizione dei comitati rivieraschi, dalla crisi e dalle inchieste giudiziarie, e si è rivelato per quello che effettivamente era: un’altra grande occasione di ulteriore speculazione ai danni della collettività e delle casse pubbliche, sullo sfondo di un territorio già segnato dallo scandalo “MOSE”.

Opzione Zero attacca: “Tornare a chiedere la realizzazione del casello di Albarea non è altro che un modo obliquo e maldestro di rimettere in gioco Veneto City, progetto tenuto ancora in vita proprio dalla dalle inadempienze e dalla volontà politica delle amministrazioni pubbliche coinvolte, a cominciare dai Comuni di Dolo e Pianiga. Il Sindaco Massimo Calzavara evidentemente è un nostalgico recidivo: continua a riproporre le opere architettate dalla “cricca veneta” delle “grandi opere” come se nel frattempo non fosse successo niente. Troppo difficile fare i conti con le proprie responsabilità politiche, visto e considerato che alcuni dei suoi iniziali sostenitori come l’ex assessore Renato Chisso sono poi finiti in gattabuia.

“Ma – continua il comitato – se il punto vero della discussione è quello di alleggerire il traffico dalla Riviera del Brenta, allora è bene ricordare al primo cittadino di Pianiga e a tutti i suoi colleghi, a cominciare da quello di Dolo Alberto Polo, che la vera soluzione sta nella riapertura immediata del casello di Roncoduro, così come previsto dagli accordi del Passante. Il nuovo casello ad Albarea, non solo avrebbe impatti ambientali e paesaggistici distruttivi in un’area già pesantemente compromessa, ma costerebbe almeno 30 milioni di euro ai contribuenti. Per riaprire quello di Dolo bastano interventi di minima in tempi brevissimi, visto e considerato che sono state realizzate la maggior parte delle opere accessorie oltre che ben due bretelle. Ci appelliamo alla Conferenza dei Sindaci perché si attivi finalmente e seriamente in tal senso invece che guardare a un passato da incubo”.

 

REFERENDUM: SI PARTE ANCHE IN RIVIERA

Posted by opzionezero in Appuntamenti, News | 0 Comments

25

mar

2016

referendum sociali

Per la democrazia, per i diritti, per l’ambiente e i beni comuni – verso un comitato unitario in Riviera

Assemblea pubblica martedì ore 20.30 presso centro civico di Oriago (via Lago di Misurina)

Come noto il prossimo 17 aprile è stato indetto un importante referendum sulla questione delle trivellazioni in mare. Questo appuntamento rappresenta però soltanto una delle tappe di una più ampia stagione referendaria e di lotte.
Lo scorso 13 marzo a Roma si è svolta una importante assemblea che ha visto riuniti insieme diverse organizzazioni e soggetti: dal movimento per la scuola pubblica (Cobas, Unicobas, Flc-Cgil, Lip, Uds, Gilda e altri), al forum italiano per l’acqua, ai comitati contro le grandi opere che sostengono la campagna «Stop devastazione e saccheggio», ai comitati “Rifiuti 0”.

L’assemblea di Roma ha lanciato la sfida dei “Referendum sociali”: i quesiti referendari riguardano alcune parti della «Buona scuola», l’opzione «Trivelle zero» in terraferma e oltre le 12 miglia in mare; l’articolo 35 del decreto «Sblocca Italia» sugli inceneritori», inoltre il movimento per l’acqua promuove contestualmente una petizione nazionale contro il decreto attuativo della legge Madia che impone la privatizzazione dei servizi pubblici.
A ciò si affianca l’iniziativa della CGIL e di altri sindacati di base a sostegno di una legge di iniziativa popolare per la Carta dei diritti universali del lavoro, unitamente a dei quesiti referendari per l’abrogazione di alcune parti del Jobs Act, come ad esempio la norma sull’Art. 18.
L’avvio ufficiale di queste campagne e della raccolta firme è prevista con banchetti in tante città d’Italia per il 9-10 aprile; ci saranno solo 3 mesi di tempo per raggiungere l’obiettivo.
Tre sono pure i referendum istituzionali, poiché a quello sulla controriforma costituzionale se ne aggiungono due riguardanti l’Italicum, e qui è chiaro il tentativo del Governo Renzi di minare alla base anche le regole della democrazia formale.
E’ evidente, pure nella loro specificità, che le varie questioni sul tappetto sono strettamente connesse una all’altra e che queste, tutte insieme, rappresentano una straordinaria occasione per provare finalmente a intrecciare le lotte portate avanti negli ultimi anni da soggetti e movimenti talvolta lontani tra loro e spesso troppo fragili. Questa straordinaria stagione referendaria può finalmente offrire una cornice comune di mobilitazione, attraverso ed oltre i temi ed il momento del voto referendario, per costruire insieme dal basso un’alleanza sociale in grado di contrastare le politiche neoliberiste e di austerity che stanno alla base una crisi economica, sociale e ambientale senza precedenti.
Nel nostro territorio, la Riviera del Brenta, attraversato negli ultimi anni da straordinarie esperienze e mobilitazioni, ci sono tutti i presupposti per avviare un percorso unitario tra vari soggetti e organizzazioni a sostegno di queste importanti iniziative.
Ci troviamo per discuterne tutti assieme
martedì 29 marzo alle ore 20.30
presso il centro civico in via Lago di Misurina a Oriago.

Logo

Comunicato stampa Opzione Zero 4 marzo 2015

La Romea è una delle strade più pericolose d’Italia, ma per la Regione Veneto a guida leghista, questa non è una priorità; meglio continuare a spendere miliardi di euro per le “grandi opere” distruttive e foriere di malaffare.

Questo è quanto emerge da due recenti delibere della Giunta Regionale.

La prima di queste è la DGR 91 del 27 gennaio 2015: si tratta di un atto di indirizzo attraverso il quale la Regione Veneto propone ad ANAS quali devono essere le priorità di intervento  tra il 2015 e il 2020 sui circa 740km di strade statali che attraversano il territorio regionale.

Peccato che ancora una volta la messa in sicurezza della Romea, nonostante i continui incidenti e le richieste di comitati e amministrazioni locali che da decenni chiedono risposte a questo grave problema, non compaia nemmeno nell’elenco  degli interventi migliorativi della rete statale esistente. E certamente non si può più dire che il problema sia la mancanza di soldi, visto che nella stessa delibera si indicano come prioritari altre 13 nuove infrastrutture stradali, tra bretelle, varianti e tratti di collegamento.

D’altra parte si sa, il sistema dei “grandi appalti” è quello più appetibile per le multinazionali del cemento e dell’asfalto. Alla Giunta Zaia poco importa degli scandali per corruzione e malaffare che hanno coinvolto in pieno la sua stessa amministrazione e il PD veneto, così come molte delle grandi ditte che per anni si sono accaparrate commesse da centinaia di milioni di euro per opere inutili e distruttive.

Arresti o non arresti, e soprattutto prima che scada il mandato,  meglio assicurarsi che i “grandi affari” vadano avanti il più in fretta possibile, come confermato in modo inequivocabile dall’altra delibera di Giunta, la DGR 159 del 13 febbraio 2015, con la quale la Regione indica al Governo quali sono le opere ritenute “strategiche e indifferibili”. Nella lista nera ci finiscono ovviamente tutti i progetti messi a punto dalla cricca veneta del cemento durante la presidenza Galan-Chisso: pedemontana, Valdastico nord, Nogare mare, GRA di Padova, nuova Valsugana, TAV… ; non poteva mancare poi la famigerata Orte-Mestre, l’autostrada da 10 miliardi, spacciata furbescamente come la soluzione dei problemi di sicurezza della Romea e che se tutto va male sarà realizzata non prima del 2030. In compenso la SS 309 è già oggi lasciata in stato di abbandono, e se per chi la usa questo è un rischio poco importa.

Le elezioni regionali sono vicine, e Opzione Zero invita i cittadini a tenere bene a mente le responsabilità politiche di questa situazione.

 

Per quanto riguarda la “serietà”, non abbiamo dei buoni esempi da chi gestisce la sanità.    Noi ci limitiamo solo ad osservare ed informare i cittadini dicendo la “verità” ed esprimiamo anche il nostro parere (senza fingere) sulle responsabilità.

Chi, se non il dott. Gumirato, ha ritenuto possibile la specializzazione in area Medica nell’Ospedale di Dolo ed in area Medico e Chirurgica in quello di Mirano? successivamente e conseguentemente ha  presentato le osservazioni alle Schede Ospedaliere affinché venisse adottata tale soluzione nella nostra ASL 13, unica Asl nel Veneto a prevederlo!

Chi, se non lui, ha predisposto il conseguente progetto esecutivo che prevede lo svuotamento del Monoblocco Sud dell’Ospedale di Dolo e lo spostamento di tutti i reparti chirurgici da Dolo a Mirano? Lo ha fatto di sua iniziativa, la Regione non lo aveva ancora definito nelle Schede Ospedaliere!

Chi, se non il dott. Gumirato ha gestito per due anni consecutivi questa ASL producendo avanzi di gestione di oltre 10.000.000, lasciando gli operatori sanitari, i medici e gli utenti nelle condizioni di estrema precarietà verificate tutti i giorni da chi ha utilizzato ed ancora utilizza i servizi negli ospedali ?

Noi abbiamo solo preso atto di quello che ha fatto il dott. Gumirato ed essendone rimasti “seriamente” preoccupati, abbiamo espresso la nostra opinione.     E’ forse vietato anche questo ?

1) Riteniamo che non solo sia serio, ma sia doveroso dire quello che sta succedendo nell’Ospedale di Dolo senza imbrogliare o tentare di nascondere la verità ai cittadini.      Questo vale  per noi, ma anche per il dott. Gumirato.       Per questo riteniamo che il nostro “Ospedale per Acuti” come fino ad ora ha funzionato, dopo i provvedimenti che il dott. Gumirato sta mettendo in atto, venga definitivamente chiuso.       Diventerà un altro tipo di Ospedale !            Il dott.  Gumirato  ritiene che questo nuovo Ospedale risponda ai bisogni ed alle  esigenze sanitarie della nostra cittadinanza ?        Noi  riteniamo di no !

2) Riteniamo anche che i nuovi 350 posti letto destinati ad un Ospedale Medico – Geriatrico e di Lungodegenza, previsti dal dott. Gumirato nel nuovo Ospedale da lui progettato a Dolo, non rispondano alle necessità sanitarie complessive della nostra cittadinanza che sarà costretta ad emigrare verso altri Ospedali per Acuti con danni economici riversati sulla nostra ASL. Riteniamo anche (diversamente dal dott. Gumirato) che non siano i numeri dei posti letto a qualificare un Ospedale, ma i reparti in esso collocati ed inoltre, che quanto previsto a Dolo altro non rappresenti che un “Ospedale Intermedio di Cura”.     Noi riteniamo invece che, oltre a questo, ci sia bisogno ancora di un “Ospedale per Acuti” come oggi esiste, che potrà definirsi “Ospedale di Rete”, senza voler giocare con le parole come sta facendo il dott. Gumirato.

3) Riteniamo infine che la “serietà” dovrebbe essere dimostrata proprio nell’attuazione di quanto programmato dalle Schede Ospedaliere e dall’Atto Aziendale.    Così non sta avvenendo con il Settore Materno Infantile e con la sostituzione del primario di Ostetricia e Ginecologia a Dolo, unica UOC ancora rimasta nell’Ospedale.   Il Primario di Mirano  viene a Dolo quando ha tempo, eppure la sua sede è a Dolo non a Mirano.   Da quando c’è lui, gli interventi chirurgici di Ginecologia vengono dirottati a Mirano, come mai ?   Come mai il Direttore  Sanitario e quello Generale non dicono nulla  ?   E’ evidente che in questo modo, anche l’unica  UOC rimasta a Dolo, sarà tolta.      Secondo il dott. Gumirato, anche  questo viene fatto per il nostro bene  !

Cosa hanno fatto di tanto male i cittadini della Riviera del Brenta per meritarsi tutto questo  ?

Il Comitato Bruno Marcato/Ospedale di Dolo

 

chisso_vernizzi_brentan_galan

Comunicato stampa Opzione Zero – 30 gennaio 2015

Silvano Vernizzi per anni a capo del settore infrastrutture e  della valutazione ambientale in Regione. Insieme a lui anche l’altra indagata Paola Noemi Furlanis, attuale responsabile della struttura VAS-VINCA. Tutti project financing della cricca hanno sempre ottenuto via libera dalle commissioni per la valutazione di impatto ambientale, alcune non sono nemmeno state sottoposte a verifica, come Veneto City. Zaia deve sospendere tutte le “grandi opere sospette”, non solo la “Jesolo mare”. A rischio sono l’ambiente e l’incolumità dei cittadini.

Finalmente, dopo il MOSE, cuore e fondamento delle cricche malavitose nostrane, i riflettori iniziano ad illuminare le autostrade, altro settore nel quale continuano a sguazzare le cricche malavitose del cemento e dell’asfalto.

E subito salta fuori un nome che ancora mancava all’appello, quello di Silvano Vernizzi.

Indagato non significa colpevole, ma come più volte denunciato dai comitati veneti, Vernizzi è stato, ed è tutt’ora uno degli uomini chiave del “sistema Veneto”: per anni a capo del settore infrastrutture della Regione, il “feudo” dell’ex-assessore Renato Chisso, Vernizzi ha avuto pieni poteri sul Passante di Mestre e sulla Pedemontana come Commissario governativo, e ora è amministratore delegato di Veneto Strade.

Ma non è tutto, perché la vera anomalia che getta un’ombra sospetta su tutti i grandi progetti in Veneto, è che Silvano Vernizzi, negli stessi anni, era a capo di un altro settore strategico della Regione: quello per le valutazioni ambientali (VIA, VAS e VINCA). Insieme a lui, un ruolo importante lo aveva pure un’altra indagata, Paola Noemi Furlanis, a lungo segretaria generale della struttura di coordinamento VAS e VINCA, e ora a capo della struttura medesima.

Sarà dunque un caso che nessuno dei project financing ideati dagli “assi pigliatutto” degli appalti come Mantovani o Adria Infrastrutture, non abbia mai ricevuto un parere negativo dalle commissioni per la valutazione ambientale. Alcuni di questi sono addirittura stati esclusi dalle verifiche che per legge sarebbero obbligatorie. Un esempio su tutti quello di Veneto City: nel 2011 fu proprio Paola Nomei Furlanis con il benestare di Vernizzi, a firmare il parere di “non assoggettabilità a VAS” del mastodontico progetto presentato dalla Veneto City spa, di cui amministratore delegato era il solito Piergiorgio Baita.

A questa decisione i comitati rivieraschi, tra cui anche Opzione Zero, si opposero in tutti i modi: presentando migliaia di osservazioni, raccogliendo ben 11.000 firme, dando vita a vivaci proteste, fino a presentare ricorsi al TAR. Ciò nonostante, i Sindaci di Dolo e Pianiga (Maddalena Gottardo e Massimo Calzavara), e Luca Zaia firmarono l’accordo di programma per una operazione immobiliare chiaramente speculativa di proporzioni inaudite.

Il marciume che sta affiorando dalle inchieste sulla Regione Veneto è ancora la punta dell’iceberg.

Per Opzione Zero la sospensione delle procedure di gara della “Jesolo mare” non basta: il Presidente Zaia ha il dovere morale e politico di approvare una moratoria su le altre “grandi opere”, a cominciare da quelle che non sono nemmeno state sottoposte  a valutazione ambientale come Veneto City. In ballo non c’è solo la corruzione, ma anche la sicurezza dei territori e l’incolumità dei cittadini.

Nel frattempo Opzione Zero chiederà nuovamente audizione ai magistrati di Venezia e al capo dell’anticorruzione Cantone per fornire tutte le informazioni utili a far luce su questa vicenda, sul Passante di Mestre e su tutte le altre opere che insistono sulla Riviera del Brenta.

 

Logo

COMUNICATO STAMPA OPZIONE ZERO 30 dicembre 2014

La CAV nel pantano del debito

Mentre Lega, Forza Italia, e PD si azzuffano come galli nel pollaio per le nuove nomine nel CDA di CAV spa, la società affonda nel pantano del “debito” del Passante. Un debito totalmente illegittimo e dietro al quale spuntano sempre più evidenti le ombre della corruzione e del malaffare.

La storia è ormai nota: la spa pubblica costituita da Regione e ANAS per la gestione del Passante, secondo la Convenzione in essere dovrebbe restituire 1 miliardo di euro proprio a ANAS che aveva anticipato tale somma per la costruzione del by-pass di Mestre. Essendo insufficiente il gettito dei pedaggi per restituire i soldi, nel 2013 CAV ha contratto un primo debito di 423,5 milioni di euro con Banca Europea degli Investimenti e Cassa Depositi e Prestiti; una seconda operazione di indebitamento è stata varata dal CDA di CAV subito dopo attraverso la possibilità, ottenuta dalla Bei, di emettere i famigerati “project bond”, titoli di debito da immettere nei mercati finanziari per rastrellare altri 840 milioni di euro.

Giusto un anno fa proprio il comitato Opzione Zero, l’associazione Re:Common, la Rete Europea Counter Balance presentavano un dettagliato dossier sul caso “Passante di Mestre”, all’OLAF, l’organo ispettivo dell’Unione Europea, alla Procura della Repubblica di Venezia, alla Corte dei Conti italiana, alla Corte dei Conti Europea e pure al capo dell’anticorruzione Cantone.

Nel dossier, presentato dal comitato ai parlamentari della Commissione Europea lo scorso 2 dicembre, si faceva riferimento non solo alla illegittimità di questo debito, visto che la costruzione del Passante è avvenuta usando solo ed esclusivamente soldi pubblici dei cittadini, ma anche al forte rischio che dietro alla lievitazione dei costi da saldare (da circa 780 milioni iniziali a oltre 1,4 miliardi di euro) ci siano ancora una volta tangenti e malaffare. Non sfugge infatti come le principali società che hanno realizzato il Passante siano proprio quelle ditte del Consorzio Venezia Nuova coinvolte nello scandalo MOSE, e come tutta l’operazione “Passante” sia avvenuta sotto l’attenta regia dell’ex assessore Renato Chisso, anche lui pesantemente coinvolto nel malaffare del cosiddetto “sistema veneto”.

Di fronte a questo quadro assai fosco e ai puntuali esposti presentati, Opzione Zero denuncia non solo la totale assenza di risposte da parte degli organismi giudiziari e di controllo, ma anche e soprattutto le pesanti responsabilità politiche che in questa vicenda hanno la Giunta Regionale e il PD. Nessuno questa volta potrà dire “non lo sapevo”, nemmeno il Presidente Zaia, che incredibilmente continua a dichiararsi ignaro ed estraneo a tutto il marciume che in questi anni ha impestato la Regione da lui presieduta. Perché infatti già nel marzo del 2011 era la stessa Corte dei Conti a sollevare forti dubbi su vari aspetti della costruzione e della gestione dell’opera: mancati controlli, uso smodato degli strumenti emergenziali, aumento ingiustificato dei costi, possibilità di infiltrazioni della criminalità organizzata nella concessione dei subappalti.

La spirale perversa di indebitamento innescata dalle spericolate operazioni di CAV sta generando un “buco” di proporzioni colossali; il rischio che i cittadini veneti siano chiamati a pagarne le conseguenze è sempre più concreto. Assistere oggi all’ennesima zuffa spartitoria per le poltrone del CDA di CAV senza che nessuna forza politica abbia il coraggio di affrontare il vero problema sul tappeto la dice lunga sul livello della classe politica regionale in scadenza di mandato.

 

Donazioni ad Opzione Zero

Posted by Opzione Zero in Comunicati Stampa, News | 0 Comments

31

ott

2014

Opzione Zero non riceve alcun finanziamento pubblico, ma si mantiene economicamente con i contributi volontari da parte degli attivisti e dei simpatizzanti.

Se desideri aiutarci, puoi fare un bonifico bancario al seguente IBAN  IT 64 L 03599 01899 050188525842 abbinato alla nostra carta conto aperta presso Banca popolare Etica. Ogni contributo, anche di piccolo importo, è bene accolto.

 

IBAN:   IT   64   L   03599   01899   050188525842

 

banca_etica

 

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui